Influenza da record, 8 milioni di casi entro fine stagione: ma il picco è superato

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 25 gennaio 2018 17:01 | Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2018 17:01
Influenza da record, 8 milioni di casi: ma il picco è superato

Influenza da record, 8 milioni di casi: ma il picco è superato

ROMA – L’epidemia di influenza per quest’anno segna un record da 8 milioni di casi, ma i medici rassicurano: il picco è superato. Finora i casi registrati sono stati circa 5 milioni in Italia ed entro la fine della stagione le autorità hanno stimato che si raggiungeranno gli 8 milioni di casi, un numero paragonabile solo alla stagione del 2004 e del 2009. Anche se il picco è superato, stando al bollettino Influnet dell’Istituto superiore di sanità, per molti italiani il rischio di ritrovarsi a letto malati è ancora alto.

Nella terza settimana di questo 2018 i casi registrati sono stati 794 mila dalla rete Influnet, per un totale di oltre 4,7 milioni di italiani a letto dall’inizio della stagione. L’incidenza dell’influenza si mantiene ancora ad un livello di “Alta intensità” ed è pari a 13,1 casi per mille assistiti, ma più basso di quanto registrato nella settimana precedente (14,5). Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano e direttore sanitario dell’Istituto IRCCS Galeazzi, ha spiegato che si va verso una nuova stagione da record per l’influenza:

“Considerando che ad oggi sono circa 5 milioni gli italiani già colpiti dai virus influenzali, si può stimare che alla fine della stagione i casi totali arriveranno a 7,5-8 milioni. Un numero molto più alto rispetto agli ultimi anni e paragonabile solo alla stagione 2004-5 e alla stagione pandemica del 2009”.

La fascia di età maggiormente colpita comunque è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni, in cui il livello dell’incidenza è pari a circa 40,3 casi per mille assistiti e quella tra 5 e 14 anni pari a 21,9. In queste fasce di età si osserva infatti un brusco aumento del numero di casi rispetto alla precedente settimana dovuto alla riapertura delle scuole dopo le festività natalizie. E’ invece in diminuzione il numero di casi nei giovani adulti in cui l’incidenza è pari a 11,1 e negli anziani con 5,8 casi per mille assistiti. In tutte le Regioni italiane il livello di incidenza è pari o superiore a dieci casi per mille assistiti, tranne nella Provincia autonoma di Bolzano.