Johnson & Johnson ritira lotto di talco per neonati: trovate tracce di amianto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Ottobre 2019 8:27 | Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre 2019 8:27
Johnson & Johnson ritira lotto di talco per neonati: trovate tracce di amianto

Un talco in polvere (foto ANSA)

WASHINGTON – La Johnson & Johnson ha avviato il primo ritiro dal mercato di un lotto del suo talco per neonati e bambini per la presenza di tracce di amianto. Le impurità della sostanza cancerogena sono state accertate in test condotti dalla Food and drug administration (Fda): si tratta del primo ritiro di un talco della J&J, che ha sempre negato la contaminazione con impurità tossiche dei propri prodotti. Il lotto ritirato e’ il #22318RB, comprende 33.000 confezioni acquistate online da un rivenditore non identificato.

L’azienda è al centro di migliaia di denunce e cause legali da parte di consumatori proprio a causa di tumori e altri danni alla salute attribuiti all’uso di prodotti al talco della J&J. La FDA ha trovato tracce di ‘asbesto crisotile‘, alla base della produzione di amianto. La J&J ha fatto sapere di aver avviato una “rigorosa indagine interna e di aver deciso il ritiro del lotto in via cautelare”. L’azienda ha inoltre comunicato di collaborare con l’ Agenzia governativa “per determinare l’integrità dei campioni esaminati e la validità dei risultati dei test”. 

L”amianto crisotilo’, trovato in piccole tracce in un lotto di polvere di talco della Johnson & Johnson ora ritirato dal mercato, è uno specifico tipo di amianto. Ve ne sono sei tipologie principali. Il ‘crisotilo’, anche chiamato anche ‘amianto, bianco’ ed è un silicato di magnesio fibroso, che appartiene al gruppo degli amianti ‘serpentini’. Considerato una fibra di amianto in realtà è costituito da un agglomerato di migliaia di fibre che, sottoposte a sollecitazioni, possono scomporsi e rilasciare fibre singole. L’amianto bianco è il più utilizzato particolarmente nelle costruzioni edili, ma anche in moltissimi prodotti industriali per la sua resistenza al calore ed altri agenti e la sua versatilità.

Il dibattito sulla cancerogenità della sostanza è in corso da molti anni. Molto studi hanno associato l’ esposizione a polveri di ‘amianto crisotilo’ ad un aumento dei rischi di vari tipi di tumore: della pleura, delle ovaie, e di mesoteliama. Una volta inalate, le fibre di questo amianto, penetrano i polmoni e creano uno stato di infiammazione di lunga durata soprattutto nella pleura. Alcuni studi, finanziati dalle industrie dell’amianto, sostengono che il crisotilo non è cancerogeno. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) si è espressa chiaramente: tutti i tipi di amianto sono cancerogeni, incluso il ‘crisotilo’.

Fonte: ANSA