Leucemia, occhio ai farmaci anticancro falsi: paracetamolo inutile al posto del ponatinib

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 febbraio 2019 11:31 | Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2019 11:32
Leucemia, occhio ai farmaci anticancro falsi: paracetamolo inutile al posto del ponatinib

Leucemia, occhio ai farmaci anticancro falsi: paracetamolo inutile al posto del ponatinib

ROMA – Dopo i primi casi in Svizzera, l’Oms (Organizzazione mondiale salute) ha lanciato l’allarme: circolano pasticche anticancro del tutto indistinguibili da quelle contenenti ponatinib, un farmaco inibitore multichinasico, pasticche false, inutili, dannose. Quelle con il ponatinib contribuiscono a rallentare se non a debellare due forme mortali di leucemia, la mieloide cronica e per la linfoblastica acuta. Quelle false, acquistate online e non solo, contengono solo paracetamolo: non che faccia male ma convince chi la sta prendendo che sta curandosi mentre la leucemia imperterrita avanza.

Parliamo dei prodotti farmaceutici identificati ufficialmente dalle sigle PR072875 (pastiglie da 45 mg) e 25A19E09 (pastiglie da 15 mg), delle case farmaceutiche Takeda e InCyte, non coinvolte in nessun modo – assicura l’Oms – dal mercato parallelo illegale.

“Il riscontro di antitumorali falsi sul mercato illegale o comunque non controllato – spiega Agnese Codignola su Repubblica.it – non è un fenomeno frequente (si scoprono per lo più antimalarici e antibiotici), anche perché in molti paesi queste sostanze possono essere date solo in ospedale (così è in Italia per il ponatinib), e questo restringe molto il numero dei potenziali acquirenti. Ma non è neppure inesistente: negli ultimi anni sono stati scoperti diversi farmaci per il tumore al seno, alla prostata e per alcuni tipi di leucemie che erano per lo più imitazioni inattive di terapie date per il mantenimento, cioè dopo la fase più acuta delle cure, e quindi da assumere a casa, spesso per anni e spesso per via orale”.