Madri che fumano in gravidanza possono compromettere la fertilità delle figlie

di Caterina Galloni
Pubblicato il 22 Settembre 2019 6:18 | Ultimo aggiornamento: 20 Settembre 2019 20:35
Madri che fumano in gravidanza possono compromettere la fertilità delle figlie

Una donna che fuma in gravidanza – Foto archivio Ansa

ROMA – Le donne che fumano nel periodo della gravidanza potrebbero compromettere la fertilità delle figlie: è quanto affermano gli scienziati, secondo i quali il tabacco contiene tossine che incidono sugli ormoni femminili mentre il feto si sta formando nell’utero.

Da uno studio condotto da un team di scienziati del Cigli State Training è emerso che le figlie di madri fumatrici  mostravano segni di elevata esposizione al testosterone, ormone sessuale maschile e ciò potrebbe compromettere la possibilità di concepire.
Le donne producono naturalmente piccole quantità di testosterone, ma quando è in eccesso tra i tanti problemi può causare la sterilità.  

Deniz Ozalp Kizilay e i colleghi del Cigli State Training Hospital hanno esaminato più di 100 neonati, 56 femmine e 64 maschi. Le loro mamme, che avevano fumato durante la gravidanza, hanno compilato un questionario sulle loro abitudini. Per un confronto, nello studio sono stati inclusi i figli di madri che non avevano fumato prima o durante la gravidanza o, ancora erano stati esposti al fumo passivo.

Gli scienziati hanno misurato la distanza anogenitale (AGD), ovvero lo spazio tra il punto medio dell’ano e un punto dei genitali.
L’AGD è una misurazione medica dei livelli di testosterone e della salute riproduttiva nel corso della vita, la cui lunghezza dipende dai livelli di testosterone durante lo sviluppo fetale.

Ci sono tuttavia alcuni studi che hanno approfondito il modo in cui l’AGD è influenzata dal fumo materno. Le bambine esposte al fumo prenatale avevano una lunghezza AGD significativamente maggiore. Secondo gli scienziati, più sigarette fumava quotidianamente una mamma e più lunga era la distanza anogenitale.

Kizilay ha precisato: “I nostri risultati indicano che le bambine hanno una maggiore esposizione al testosterone, ma non in che modo ciò si collega alla funzione riproduttiva”. Ma la sterilità non riguarda solo le bambine: alcuni studi hanno dimostrato che il fumo materno o paterno può incidere sulla qualità dello sperma dei figli.

Fonte: Daily Mail