Mascherina, chi soffre di asma e malattie polmonari non dovrebbe indossarle sempre

di Caterina Galloni
Pubblicato il 20 Maggio 2020 6:00 | Ultimo aggiornamento: 19 Maggio 2020 19:55
Mascherine con asma e malattie polmonari non vanno indossate sempre

Mascherine con asma e malattie polmonari non vanno indossate sempre (Foto archivio ANSA)

ROMA – Chi soffre di asma o altre malattie polmonari non dovrebbe indossare le mascherine nel caso renda difficile la respirazione: è quanto sostengono alcuni esperti del Regno Unito.

Il governo britannico attualmente consiglia di indossare le mascherine quando ci si trova in luoghi in cui è difficile rimanere ad almeno due metri di distanza dagli altri.

Ciò perché il coronavirus viene trasmesso attraverso le goccioline del respiro e se inspirato si aggancia alle cellule all’interno delle vie aeree e dei polmoni.

Ma le persone che soffrono di asma o di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) o di fibrosi cistica, con le mascherine possono avere difficoltà a respirare.

I pazienti tuttavia si trovano in una situazione tipo Comma 22.

Se contagiati corrono il rischio di complicazione e inoltre senza mascherina e se positivi, hanno maggiori probabilità di diffondere il virus.

Gli esperti sostengono che dovrebbero indossare una mascherina quando possibile, per proteggere se stessi e gli altri ma non al punto da mettere a rischio la salute.

Indossare la mascherina, dicono gli esperti, può rendere più difficile respirare e peggiorare i sintomi delle malattie respiratorie.

Mascherine, l’esperto: “Ecco chi non dovrebbe indossarle”

Purvi Parikh, specialista in immunologia e malattie infettive della New York University, spiega che chi soffre di alcune patologie non dovrebbe indossarle.

Ad esempio, chi soffre di patologie polmonari, quelle con anomalie della pelle sul viso o sul collo, o i bambini oppure chi è affetto da demenza potrebbero non essere in grado di indossare regolarmente le mascherine.

Al MailOnline, Parikh ha dichiarato: “Chi soffre di patologie polmonari è in crisi, poiché probabilmente più di altri dovrebbero proteggersi con la mascherina ma potrebbero avere difficoltà a respirare”.

Per evitare il contagio, i governi dei paesi di tutto il mondo chiedono alle persone di indossare le mascherine in pubblico.

Negli Stati Uniti non è necessario, ma i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) consigliano alle persone di coprire il volto quando sono in pubblico.

Sebbene gli scienziati sostengano che la maschera o una copertura per il viso non proteggano dal virus, potrebbero tuttavia impedire a una persona di trasmettere le goccioline del respiro.

Ciò può essere particolarmente vero per chi soffre di patologie polmonari che fanno tossire, starnutire o respirare in modo pesante, ha affermato Parikh.

E ha aggiunto: “Chi soffre di queste malattie dovrebbe, se può, indossare la mascherina”.

“Non solo le proteggerà, ma chi ha l’asma o BPCO può effettivamente diffondere più dose di virus perché tossisce, starnutisce e respira più profondamente rispetto ad altre persone”. (Fonte: Daily Mail)