Mascherine contro il coronavirus: quando e come si utilizzano?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Maggio 2020 14:29 | Ultimo aggiornamento: 10 Maggio 2020 14:29
Mascherine coronavirus, come e quando utilizzarle? Gli esperti rispondono

Mascherine coronavirus, come e quando utilizzarle? Gli esperti rispondono (Foto archivio ANSA)

ROMA – Quando e come si utilizzano le mascherine per evitare il contagio da coronavirus?

Gli esperti del Policlinico San Donato hanno redatto una guida sull’utilizzo delle mascherine, che se usate in modo scorretto possono rivelarsi inefficaci.

Se le mascherine sono state fondamentali nella fase 1 dell’emergenza, ancor di più lo saranno per la fase 2.

Il dottor Giuseppe Gallo dell’Ufficio Qualità e la dottoressa Silvia Aluffi, operatore sanitario, dell’IRCCS Policlinico San Donato, spiegano come usare correttamente questi presidi.

Mascherine anti-coronavirus, quando sono necessarie?

Le mascherine vanno indossate in presenza di altre persone, quando è difficoltoso mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro.

Indossarle in auto o mentre si cammina da soli, spiegano gli esperti, è uno spreco per l’intera comunità.

Le mascherine più utilizzate, infatti, sono monouso e non possono essere indossate nuovamente.

I presidi chirurgici vanno utilizzate in presenza di sintomi, come tosse o starnuti.

Questo perché il contagio avviene attraverso le goccioline dalla bocca o dal naso, quindi proteggono chi le indossa e chi gli sta vicino.

Mascherine per uso professionale, le Ffp2 e Ffp3

Le mascherine del tipo Ffp2 e Ffp3 sono di tipo professionale e sono in grado di filtrare rispettivamente il 92% e il 98% delle particelle.

Si tratta di una protezione solo per chi le indossa e quindi sono destinate agli operatori sanitari che lavorano a contatto coi pazienti positivi.

Mascherine, come vanno indossate?

I concetti da tenere bene a mente, dicono gli esperti, sono tre: distanza sociale, igiene delle mani e uso della mascherina.

E’ importante quando la indossiamo non toccarla mai con le mani, anche per metterla o toglierla meglio usare gli elastici, perché altrimenti perderebbe di efficacia.

Anzi, dicono gli esperti, se la si tocca con le mani si aumenta il rischio di contaminazione.

Le regole quindi per indossarla in sicurezza prevedono di lavarsi accuratamente le mani prima dell’utilizzo.

Inoltre, la mascherina deve aderire bene al viso in ogni lato, stringendo il bordo superiore rigido in modo che aderisca al naso e copra viso e bocca anche sotto il mento.

Mascherina, come toglierla?

 Anche quando togliamo la mascherina, dobbiamo fare molta attenzione perché la parte esterna potrebbe essere contaminata.

Per questo motivo prima vanno slegati i lacci, poi va tolta e subito gettata in un contenitore chiuso, come ad esempio un sacchetto di plastica.

Come ultimo passo, lavarsi sempre accuratamente le mani. 

Mascherine fai da te contro il coronavirus? Meglio evitare

Se avete deciso di realizzare delle mascherine “fai da te” contro il coronavirus, sarebbe meglio evitare.

Gli esperti spiegano che l’efficacia di una mascherina fai da te è ignota e quindi non è sicuro che possano proteggerci.

Evitare poi di usare sciarpe o foulard al posto dei presidi, perché dopo averle indossate andrebbero buttate proprio come la mascherina. 

Guanti, come utilizzarli

Anche per i guanti ci sono delle indicazioni da seguire, scrivono gli esperti del Policlinico San Donato.

L’utilizzo dei guanti monouso va limitato nei casi in cui è consigliato, ma non dovrebbero mai essere indossati tutto il giorno.

Il coronavirus infatti non passa dalle mani, ma potrebbe depositarsi sui guanti e si rischia il contagio toccandosi occhi, naso o bocca con questi.

Attenzione va fatta anche a come si tolgono: vanno levati girandoli al contrario e poi immediatamente gettati.

Una volta tolti, bisogna procede come sempre al lavaggio accurato delle mani.  (Fonte: Policlinico San Donato)