Monitorare la salute dei cittadini dalle fogne: è il progetto “Underworld”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Giugno 2015 8:40 | Ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2015 8:40
Monitorare la salute dei cittadini dalle fogne: è il progetto "Underworld"

(Foto di repertorio)

MILANO – Monitorare la salute dei cittadini e prevedere lo scoppio di focolai come quello dell’influenza dalle fogne, grazie all’analisi in tempo reale del materiale genetico disperso nelle acque reflue. Sembra fantascienza ma potrebbe presto essere realtà grazie al progetto ‘Underworlds’ a cui sta lavorando il gruppo di ricerca di Carlo Ratti, ingegnere e architetto italiano a capo del SENSEable City Lab presso il Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Boston.

”Le città del futuro saranno sempre più capaci di ascoltare e rispondere alle esigenze dei cittadini grazie alle nuove tecnologie digitali che ci hanno stravolto la vita negli ultimi dieci anni”, ha spiegato Ratti. La rivoluzione hi-tech, che ora si sta allargando a tutto l’ambiente urbano, ”non coinvolgerà solo la mobilità, ma anche la partecipazione dei cittadini alla vita politica e istituzionale, la gestione dell’energia, dei rifiuti e delle risorse idriche”.

Le fogne stesse potranno diventare ‘smart’. ”Facendo il sequenziamento di massa di tutto il materiale genetico di virus e batteri presenti nelle acque reflue, possiamo capire lo stato di salute dei cittadini”, spiega Ratti.

5 x 1000

Il ‘lavoro sporco’ è affidato ad un robot subacqueo, che scende nelle fognature per la raccolta dei campioni: una volta analizzati, permettono di ricostruire in tempo reale il microbioma della città, ovvero l’insieme di microrganismi che popolano il mondo ‘di sopra’, svelando l’andamento di malattie come il diabete, l’obesità, ma anche gastroenteriti e influenza. Questo sarà utile per mettere a punto nuove strategie di prevenzione e per fare ricerca. Le prime città a sperimentare le fogne smart saranno Boston, nel 2016, e Kuwait City, nel 2017.