Oms: “Coronavirus può rimanere sulle superfici per ore, non giorni”

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 7 Aprile 2020 17:05 | Ultimo aggiornamento: 7 Aprile 2020 17:07
Oms: "Coronavirus può rimanere sulle superfici per ore, non giorni"

Oms: “Coronavirus può rimanere sulle superfici per ore, non giorni” (foto ANSA)

ROMA – Richard Brennan, un alto funzionario dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ha sottolineato che allo stato delle conoscenze attuali si deve affermare che il coronavirus può rimanere sulle superfici solo per alcune “ore”, e quindi non per giorni.

“Recenti studi hanno mostrato che il Covid-19 può rimanere sulle superfici per ore, a seconda delle superfici”, ha ricordato Brennan, Direttore delle operazioni d’emergenza dell’Oms per la regione del Mediterraneo orientale. Ma “il messaggio-chiave” a questo proposito è che si tratta solo di una “questione di ore, non di giorni o settimane”, ha aggiunto in una conferenza stampa virtuale tenuta da Il Cairo.

Inoltre non ci sono prove che animali domestici come cani e gatti possano trasmettere il Covid-19 all’essere umano. “Ci sono informazioni su singoli animali cui viene diagnosticata la malattia”, ha ricordato ancora il funzionario. Però “in questa fase non abbiamo prove” che il fenomeno sia “diffuso e certamente” non è provato “che ad esempio animali da compagnia la trasmettano all’uomo”, ha aggiunto Brennan.

Oms: “Non ci sono prove che mascherine proteggano dal coronavirus”

Indossare una mascherina, di per sé, non basta a proteggere dal contagio del coronavirus. E non ci sono prove che indossarla da parte di una persona sana possa prevenire l’infezione. Lo ribadisce l’Oms in un documento sul corretto utilizzo delle mascherine che, di fatto, non cambia la linea dell’organizzazione mondiale della sanità malgrado le attese in tal senso.

“Indossare una mascherina – si legge – è una delle misure di prevenzione che possono contenere il contagio di diverse malattie respiratorie virali, compresa COVID-19. Tuttavia, il solo uso della mascherina è insufficiente a fornire un adeguato livello di protezione, e altre misure dovrebbero essere adottate”, cioè soprattutto il distanziamento sociale e il lavarsi frequentemente le mani.

Ma soprattutto, nota l’Oms, “attualmente non ci sono evidenze che indossare una mascherina da parte di una persona sana, anche in un contesto generale in cui si indossano universalmente, possa prevenire l’infezione di un virus respiratorio, compreso COVID-19”.

In definitiva, si legge nel documento, “le mascherine mediche andrebbero riservate agli operatori sanitari”, tanto più che “il loro uso da parte della popolazione potrebbe creare un falso senso di sicurezza”.

Fonti: ANSA, AGI.