“Voi l’avete piccolo”. “Voi venite subito”. Germania-Italia, la guerra del pene

Pubblicato il 26 settembre 2012 14:57 | Ultimo aggiornamento: 26 settembre 2012 15:03

PADOVA – L’ultima guerra tra Italia e Germania non si combatte sul fronte né nelle riunioni di Bruxelles. Lo spread che fa tremare i maschi europei è quello del pene. 

A far scoppiare il conflitto è stato un articolo del tabloid tedesco Bild. L’articolo in questione prendeva di mira le misure del membro italico, ritenute troppo piccole. Accuse basate, oltre il danno la beffa, su uno studio italiano.

Lo studio in questione, con tanto di dati raccolti tra oltre duemila ragazzi, è quello del professore dell’Università di Padova, l’andrologo Carlo Foresta. Dopo aver messo in fila 2.019 ragazzi di 18 e 19 anni, il professo Foresta ha notato che negli ultimi 50 anni qualcosa di è ristretto. Qualcosa di importante. Per gli uomini, ma pure (molto) per le donne. Si è passati dai 9,7 centimetri del 1948 agli 8,9 di oggi. Nel frattempo sono cresciute altre parti del corpo, dalle gambe alle braccia, fino ai lobi delle orecchie.

Allo stesso tempo, però, Foresta dà una buona notizia ai maschi nostrani: una volta all’opera nel loro piccolo, è proprio il caso di dirlo, fanno molto meglio dei tedeschi. Loro avranno pure basi più solido (o estese), ma in quanto ad uso lasciano a desiderare… Le disfunzioni erettili sono molto più diffuse. Colpa dell’obesità, spiega il dottor Foresta. In Italia è più diffusa tra gli adolescenti, ma col passare degli anni i giovani italiani perdono peso e guadagnano in attività sessuale, al contrario dei coetanei germanici.

Le tedesche potranno pure godere di più risorse, ma si sa, la povertà aguzza l’ingegno. E non solo quello…

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other