Prevenzione tumore al seno: non solo la mammografia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Gennaio 2020 10:20 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2020 10:20
Tumore, Ansa

(foto Ansa)

ROMA – Secondo un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica New England Journal of Medicine, basato sull’analisi del registro dei tumori dei Paesi Bassi, il doppio screening mammografia e risonanza magnetica, garantisce una maggior precisione nella diagnosi precoce di tumori al seno. Sono tanti gli studi che negli anni hanno provato a confutare questa ipotesi.

Il rischio di una sovradiagnosi che faccia emergere anche tumori indolenti, è molto alto. Attualmente, non esiste un modo per comprendere se il tumore individuato sia indolente oppure no. L’unico modo per capirlo rimane quello di confrontare, a distanza di tempo, se i problemi individuati comportavano realmente un rischio per la salute della paziente. Lo studio citato, ha analizzato i dati di oltre 40mila donne sottoposte casualmente ai due tipi di screening: mammografia e risonanza magnetica. I risultati hanno portato a rilevare una netta sproporzione per i tumori invasivi nel caso di pazienti sottoposte alla sola mammografia. Questo tipo di conclusione non garantisce il risultato assoluto, ma sembra essere un primo passo per mostrare l’importanza della risonanza magnetica nei casi con tessuto mammario molto denso.

DOVE FARE LA MAMMOGRAFIA E LA RISONANZA MAGNETICA A ROMA

Esistono tanti luoghi a Roma tra ospedali, cliniche e centri privati dove vengono eseguiti questo tipo di esami diagnostici. Il luogo più adatto alle esigenze del singolo paziente viene solitamente indicato dal medico curante che svolge la visita specialistica. In particolare però, il gruppo San Raffaele è presente con diverse sedi (Pisana, Termini e Tuscolana tra le più importanti) dove è possibile effettuare una risonanza magnetica e una mammografia.