Il riscaldamento globale aumenterà il numero di zanzare e la diffusione di gravi epidemie

di Caterina Galloni
Pubblicato il 2 aprile 2019 6:52 | Ultimo aggiornamento: 1 aprile 2019 18:57
Il riscaldamento globale aumenterà il numero di zanzare e la diffusione di gravi epidemie (foto d'archivio Ansa)

Il riscaldamento globale aumenterà il numero di zanzare e la diffusione di gravi epidemie (foto d’archivio Ansa)

ROMA – A causa del riscaldamento globale, entro il 2080 il numero di zanzare nel mondo sarebbe destinato ad aumentare il che comporterebbe la diffusione di gravi epidemie come Zika, febbre gialla dengue e chikungunya. Secondo gli scienziati, con l’aumentare delle temperature la zanzara del tipo Aedes aegypti – attualmente presente principalmente in Africa e in Asia – potrebbe essere attratta da un clima più caldo e più umido e un miliardo di persone in più, inclusi residenti in Canada, Regno Unito ed Europa, essere esposte a gravi malattie.

Gli scienziati hanno aggiunto che i virus potrebbero causare epidemie in paesi che non hanno alcun tipo di immunità poiché mai sperimentate e avvertono che non intervenendo sul riscaldamento globale, la diffusione delle zanzare rappresenterà una delle “maggiori minacce alla sicurezza globale”. Se i virus inizieranno a diffondersi non sarà solo una questione di malattie ma i Paesi avranno una ricaduta finanziariamente negativa poiché “ci sarà minore produttività sul lavoro e rischieranno il tracollo economico” sostiene l’autrice dello studio Sadie Ryan, dell’University of Florida.

Il biologo Colin J. Carlson della Georgetown University e co-autore dello studio pubblicato nella rivista PLOS Neglected Tropical Diseases ha dichiarato:”Le malattie nate dalle zanzare saranno il fenomeno più diffuso, soprattutto con il diffondersi dalle zone tropicali a quelle a clima temperato”. Sadie J. Ryan, altro autore dello studio e professore associato di geografia medica presso la University of Florida, si è concentrato in particolare su due delle zanzare che più comunemente diffondono malattie: Aedes aegypti e Aedes albopictus (nota come zanzara tigre), e ha concluso che entro i prossimi 50 anni quasi tutta la popolazione mondiale sarà esposta al contatto con le zanzare poiché l’aumento delle temperature ridurrà la durata e l’intensità del freddo invernale, che ogni anno riesce a contrastare la sopravvivenza di questi insetti. Fonte: Daily Mail.