Sclerosi multipla: testato parassita intestinale (anchilostoma) che frena reazione autoimmune

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Giugno 2020 14:34 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2020 14:34
Sclerosi multipla: testato parassita intestinale (anchilostoma) che frena reazione autoimmune

Sclerosi multipla, una speranza da un parassita intestinale (Ansa)

ROMA – L’uso di una terapia a base di una dose controllata di un parassita intestinale (l’anchilostoma Necator americanus) può essere efficace contro la sclerosi multipla.

Il parassita regola e tiene a bada il sistema immunitario del paziente, frenando la reazione autoimmune contro i nervi.

È il risultato di uno studio della University of Nottingham condotto da Cris Constantinescu e pubblicato sulla rivista JAMA Neurology.

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune, in cui cioè il sistema immunitario va in tilt e attacca la guaina isolante di rivestimento dei nervi, la mielina, provocando danni neurologici.

Lo studio ha coinvolto 71 pazienti con la forma più comune, la recidivante-remittente, in cui si alternano fasi di remissione a fasi di recidiva.

A metà dei pazienti è stata data una piccola dose di parassita (appena 25 larve), agli altri placebo.

Il parassita sembra aiutare l’organismo a tenere a bada il sistema immunitario, favorisce l’aumento di cellule immunitarie regolatorie (i linfociti T regolatori).

E infatti oltre la metà dei pazienti trattati col parassita non presenta nuove lesioni del sistema nervoso dopo otto mesi dal trattamento.

Si tratta ovviamente di risultati ancora molto preliminari e comunque non comparabili con quelli dei farmaci in uso.

Ma ulteriori studi serviranno per accertare gli eventuali benefici di questa ‘terapia alternativa’. (fonte Ansa)