Tumori: i piccioni li vedono

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Dicembre 2015 11:21 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2015 11:26
Tumori: i piccioni li vedono

Tumori: i piccioni li vedono (Credit Photo: University of Iowa)

ROMA – I piccioni sono in grado di vedere i tumori. Alcuni animali, tra cui questi volatili, sono in grado di distinguere il tessuto sano da quello malato e possono fare una diagnosi degna di un medico. Proprio per questo motivo i ricercatori da tempo studiano questo aspetto dei piccioni per elaborare un programma di diagnostica più preciso che sfrutti l’abilità nel percepire l’informazione dimostrata dai piccioni.

Daniele Banfi su La Stampa scrive che una ricerca, che ha per “protagonisti” proprio i piccioni, è stata eseguita dagli scienziati dell’università dell’Iowa, negli Stati Uniti, ed è stata pubblicata sulla rivista Plos One. Gli scienziati, scrive Banfi, hanno elaborato un test per valutare se i piccioni siano in grado di distinguere il tessuto sano da quello tumorale:

“Per fare ciò gli scienziati statunitensi hanno insegnato ad ogni animale a distinguere le immagini al microscopio di tessuto canceroso e non canceroso. Quando fornivano la risposta corretta –ovvero la fotografia era di cellule tumorali- il piccione veniva ricompensato con del cibo. Durante il periodo di allenamento gli uccelli hanno imparato a riconoscere tumori sia a diversi ingrandimenti sia in assenza di colore. Dopo due settimane di «training» i piccioni hanno raggiunto un livello di precisione nel riconoscere immagini che non avevano mai visto prima pari all’85%.

Un risultato straordinario che va a sommarsi ad altre ricerche più o meno strane che riguardano l’utilizzo di animali per la diagnosi del cancro. Numerosi studi hanno fin qui dimostrato che i cani, ad esempio, possono essere così accurati nell’annusare vari tipi di cancro da raggiungere una precisione diagnostica superiore al 90%.

Attenzione però a non pensare che da domani gli animali sostituiranno l’uomo. Tutt’altro. Dallo studio dell’olfatto dei cani stanno nascendo veri e propri «nasi elettronici» in grado di fiutare il tumore. Da quest’ultima ricerca invece gli scienziati stanno ora cercando di carpire il segreto del funzionamento degli occhi dei piccioni per arrivare a sviluppare software capaci di interpretare le immagini”.