Usa: il ciclista Lance Armstrong dichiara guerra al fumo

Pubblicato il 25 Maggio 2012 21:42 | Ultimo aggiornamento: 26 Maggio 2012 0:18

NEW YORK, 25 MAG – Lance Armstrong dichiara guerra all'industria del tabacco in California. L'ex campione di ciclismo americano ha deciso infatti di investire un milione e mezzo di dollari attraverso la sua fondazione per la lotta al cancro per appoggiare una misura che prevede l'aggiunta di un dollaro a pacchetto come tassa per l'acquisto di tabacco in California.

Il provvedimento dovra' essere votata dagli elettori che il prossimo 5 giugno, in concomitanza con le primarie repubblicane, decideranno se aumentare di un dollaro e 87 centesimi il prezzo per un pacchetto di sigarette. Parte dei proventi dalla vendita andranno a sostenere programmi di ricerca sul cancro e centri per aiutare a smettere di fumare. La battaglia di Armstrong, lui stesso un sopravvissuto al cancro, contro le multinazionali del tabacco si preannuncia all'ultimo colpo.

Contro il milione e mezzo della sua fondazione per far passare la misura, l'industria ha invece investito oltre 40 milioni di dollari per bloccarla. In prima linea ci sono la 'Altria Group Inc.' e 'Reynolds American Inc.' le due aziende che detengono la piu' grossa fetta del mercato delle sigarette negli Stati Uniti.

"Non sopporto – ha detto Armstrong – che l'industria del tabacco riesca a muovere l'opinione pubblica in suo favore per un prodotto che uccide". Al momento e' New York lo stato con la tassazione piu' alta, 4 dollari e 35 a pacchetto. La media del paese e' di un dollaro e 46 centesimi.