Vaccino anti Covid entro due giorni: il servizio sanitario britannico dice di essere già pronto

di Caterina Galloni
Pubblicato il 30 Novembre 2020 13:55 | Ultimo aggiornamento: 30 Novembre 2020 13:55
Vaccino una cosa di sinistra? Come la mascherina?

Vaccino una cosa di sinistra? Come la mascherina? (Foto d’archivio Ansa)

Vaccino anti Covid entro due giorni: il servizio sanitario britannico dice di essere già pronto a inoculare le prime dosi ai pazienti.

Gli ospedali del servizio sanitario britannico sostengono di “essere pronti a introdurre il vaccino anti Covid nel giro di due giorni”. Ovvero a partire da mercoledì 2 dicembre. A dare la notizia è il Sun, che si basa sull’approvazione normativa che in settimana dovrebbe ottenere nel Regno Unito il vaccino Pfizer/BioNTech.

Alcune fonti al Telegraph hanno riferito che al NHS Trust “è stato chiesto di mobilitarsi” in previsione dell’arrivo del vaccino. La Gran Bretagna ha ordinato 40 milioni di dosi del vaccino che sembra sia efficace al 95%.

Vaccino anti Covid in via di approvazione in Gran Bretagna

L’Agenzia per la regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari britannica (MHRA) sta attualmente esaminando i risultati dello studio alla fase tre. Se verrà concessa l’approvazione, secondo i report le dosi potrebbero iniziare ad arrivare entro pochi giorni.

Il personale sanitario impegnato sul campo sarà il primo a sottoporsi alla vaccinazione, come riferito dal tabloid britannico. Ancor prima dei residenti nelle case di cura e degli anziani più fragili. A seguire ci saranno gli under 65 ad alto rischio.

Pronta la campagna a favore del vaccino

Già dalla prossima settimana, i ministri britannici saranno pronti a lanciare una campagna nazionale attraverso TV e radio che evidenzi i benefici della vaccinazione. Una fonte del governo ha riferito che è “molto probabile” che Pfizer sarà il primo vaccino autorizzato.

“Potremmo prendere una decisione già la prossima settimana. In questo caso, c’è una probabilità del 50/50 che potremmo essere il primo paese al mondo a utilizzare l’app di un vaccino per il lancio”.

Pfizer o non Pfizer?

Tuttavia, il vaccino Pfizer deve essere conservato a -70 ° C e può essere scongelato solo in lotti di 1.000 prima dell’immunizzazione: un incubo logistico per il Servizio Sanitario Nazionale.

Significa che è improbabile che venga utilizzato per curare i pazienti  nelle case di cura, attualmente in cima alla lista delle priorità provvisorie, poiché potrebbero non essere disponibili le dosi necessarie.

I dirigenti sanitari vogliono lanciarlo da 53 hub ospedalieri così da immunizzare prima il personale del SSN che lavora sul campo. Una fonte ha detto: “Gli operatori sanitari si vaccineranno fin dal primo giorno”.

C’è chi scommette che il vaccino AstraZeneca sviluppato da Oxford, che può essere conservato in un normale frigorifero, sarà approvato pochi giorni dopo.

I funzionari prevedono che con 19 milioni di dosi disponibili entro la fine dell’anno costituirà la spina dorsale dell’immunizzazione di massa.

Sir Simon Stevens, a capo del SSN britannico, ha spiegato che il servizio è pronto al massimo a lanciare la “più grande campagna di vaccinazione della nostra storia”. (Fonti: Sun e Telegraph)