Vaccino cinese Sinovac, stop in Brasile: “incidente grave” a un volontario

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Novembre 2020 11:58 | Ultimo aggiornamento: 10 Novembre 2020 11:58
Vaccino cinese Sinovac, stop in Brasile: incidente grave a un volontario che lo stava sperimentando

Vaccino cinese Sinovac, stop in Brasile: incidente grave a un volontario (Foto Ansa)

Vaccino cinese Sinovac, stop in Brasile dopo un grave incidente a un volontario che lo stava sperimentando.

Il Brasile sospende le sperimentazioni del vaccino cinese Sinovac contro il Coronavirus a causa di un “grave incidente”. Lo ha annunciato l’ente regolatore brasiliano. La Sinovac ha detto che l’incidente al volontario non è strettamente legato al vaccino.

Solo ieri il governatore di San Paolo, Joao Doria, aveva annunciato che le prime 120mila dosi di vaccino contro il Covid prodotte dalla cinese Sinovac sarebbero state distribuite in Brasile entro il prossimo 20 novembre. Sulla natura dell’incidente, che ha coinvolto un ricevente volontario, non sono stati forniti dettagli. Se non che sarebbe avvenuto il 29 ottobre.

Vaccino cinese Sinovac, lo stop nello stesso giorno dell’annuncio di Pfizer

La battuta d’arresto per il CoronaVac, arriva nello stesso giorno in cui il gigante farmaceutico statunitense Pfizer ha dichiarato che il proprio vaccino ha mostrato un’efficacia del 90%. Facendo così impennare i mercati globali e alimentando la speranza di porre fine alla pandemia.

Entrambi i vaccini, Pfizer e Sinovac, sono in fase di sperimentazione III, la fase finale del test prima dell’approvazione. Ed entrambi sono in fase di sperimentazione in Brasile, il Paese con il secondo più alto numero di vittime nella pandemia, dopo gli Usa. In Brasile ci sono oltre 162.000 vittime del coronavirus.

Il CoronaVac è stato oggetto di una caotica battaglia politica in Brasile. Il suo più strenuo sostenitore è stato il governatore di San Paolo Joao Doria. Che è uno dei principali oppositori del presidente di estrema destra Jair Bolsonaro. Bolsonaro lo ha etichettato come il vaccino di “quell’altro Paese”. E ha spinto da parte sua per il vaccino rivale sviluppato dall’Università di Oxford e dalla società farmaceutica AstraZeneca.

Sinovac è fiducioso sulla sicurezza del vaccino

Sinovac Biotech conferma la sua “fiducia” sulla sicurezza del vaccino anti Covid-19 in fase di sperimentazione. “Siamo fiduciosi sulla sicurezza del vaccino”, ha commentato la società in una nota, aggiungendo che l’incidente “non era collegato al vaccino”. 

Sull’interruzione dello studio di fase III sul vaccino anti Covid-19, il nostro partner brasiliano Butantan Institute, ci ha comunicato di non ritenere che “questo ‘grave evento avverso’ sia correlato al vaccino”. Sinovac, prosegue la nota, “continuerà a comunicare con il Brasile su questo argomento” e “lo studio clinico in Brasile è rigorosamente condotto in conformità con i requisiti GCP (Good clinical practice) e siamo fiduciosi nella sicurezza del vaccino”.

Sul tema è intervenuto anche il ministero degli Esteri di Pechino, il cui portavoce Wang Wenbin ha detto che la mossa delle autorità sanitarie brasiliane di fermare le sperimentazioni non è correlata al vaccino stesso. L’Istituto Butantan “ha concluso che il segnalato ‘evento avverso’ che ha spinto lunedì il regolatore sanitario brasiliano a sospendere” i test del vaccino prodotto dalla Cina in Brasile “è non correlato” al prodotto di Sinovac Biotech. La società “continuerà a comunicare con il Brasile sulla questione”, ha aggiunto Wang. (Fonte Ansa)