Vaccino Coronavirus, CNN: gravi effetti collaterali su una volontaria

di Caterina Galloni
Pubblicato il 19 Settembre 2020 22:00 | Ultimo aggiornamento: 18 Settembre 2020 17:28
Vaccino coronavirus, foto d'archivio Ansa

Vaccino Coronavirus, CNN: gravi effetti collaterali su una volontaria (foto Ansa)

Un rapporto interno di AstraZeneca pubblicato dalla CNN fa luce sui gravi effetti collaterali subiti dalla volontaria che ha partecipato alla sperimentazione clinica del vaccino contro il coronavirus.

Il documento descrive nel dettaglio come la volontaria, una donna britannica di 37 anni precedentemente sana, dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino abbia “sviluppato una mielite trasversa” e il 5 settembre è stata ricoverata in ospedale.

Quattro giorni dopo, AstraZeneca e Oxford non hanno menzionato la mielite trasversa e parlato di sintomi neurologici inspiegabili.

Hanno aggiunto che avrebbero interrotto lo studio in tutto il mondo.

Nel Regno Unito e in Brasile è stato ripreso ma non negli USA. Alla CNN, Anthony Fauci, direttore dell’istituto statunitense National Institute of Allergy and Infectious Diseases, ha tuttavia precisato che è “solo una questione di tempo” prima che la sperimentazione riprenda negli Stati Uniti.

Ha aggiunto di considerare la patologia della volontaria come “una tantum” e che “sarebbe insolito interrompere completamente una sperimentazione sulla base di un singolo evento avverso”.

Il documento, classificato come “relazione iniziale”, descrive i sintomi della donna tra cui problemi motori, spossatezza e dolori alle braccia.

E’ datato 10 settembre e l’11 settembre è stato inviato ai medici che gestiscono i siti di sperimentazione clinica dello studio. Scrive la CNN, che mentre il mondo spera nell’arrivo dei vaccini che pongano fine alla pandemia, alcuni scienziati mettono in dubbio la trasparenza della sperimentazione di AstraZeneca.

Un portavoce dell’azienda afferma che, in qualità di sponsor della sperimentazione, “non possono divulgare informazioni mediche”.

In un comunicato stampa il gigante farmaceutico ha dichiarato che “siamo impegnati al massimo nel garantire la sicurezza dei volontari e i più elevati standard di condotta nei test”. (Fonte: CNN).