Vita sedentaria? Ecco 5 buone abitudini per restare in forma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 marzo 2018 7:04 | Ultimo aggiornamento: 13 marzo 2018 18:07
Vita sedentaria? Ecco 5 buone abitudini per restare in forma

Vita sedentaria? Ecco 5 buone abitudini per restare in forma

ROMA – Lavoro o pigrizia, la vita sedentaria può comportare dei problemi di salute. Per rimanere in forma, la dietologa australiana Susie Burrel svela cinque buone abitudini d’aiuto a gestire il peso e fornire energie in vista di una giornata di lavoro impegnativa.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

La prima buona abitudine è quella di muoversi. Un programma di lavoro frenetico può lasciare poco tempo per praticare esercizio ma trascurare questo aspetto potrebbe comportare un costo.”Una significativa riduzione di movimento quotidiano, dovuta a lunghi spostamenti, mancanza di tempo, prolungati orari di lavoro ha come conseguenza un aumento di peso”, ha scritto la Burrel sul suo blog.
“Per rimanere in forma si dovrebbero fare dagli 8.000 ai 10.000 passi al giorno e in questo può essere d’aiuto un contapassi”.
La seconda è trascorrere meno tempo stando seduti, atteggiamento dannoso per il tasso metabolico, ossia il numero di calorie che si bruciano quotidianamente.
Andare in palestra può aiutare ma non elimina radicalmente gli effetti per cui la soluzione è quella di muoversi il più spesso possibile, prendere in considerazione la scelta di una scrivania per lavorare in piedi, scrive il Daily Mail.

“Non solo si bruciano quasi il doppio delle calorie ma offre nel tempo dei benefici al collo, l’anca e la schiena”.
La terza buona abitudine: evitare di mangiare cibo e spuntini mentre si lavora al pc poiché si prende peso.
“Concedersi una pausa di almeno dieci minuti deve essere una priorità poichè le scelte alimentari saranno più salutari, meglio se se la pausa è fuori dal posto di lavoro, all’aperto”, sostiene la Burrel.
Quarta buona abitudine: fare un pranzo equilibrato. Quando, dopo la colazione, non si mangia per 4 o 5 ore, si diventa vulnerabili a bassi livelli di glucosio e a un eccesso di cibo. Consumare, al massimo entro le 14.00, un pranzo equilibrato e sostanzioso, un mix di carboidrati, proteine e verdure, è il consiglio della dietologa.
Quinta buona abitudine, infine, fare attenzione alle tentazioni in ufficio. “Snack e bevande presenti nei distributori spesso contengono cibi ad alto contenuto di grassi o zuccheri, alimenti che solitamente non sono a portata di mano e che si mangiano perché stanchi, annoiati e/o affamati”.