Zecche, allerta a Belluno: casi triplicati. Vaccino gratis per persone a rischio

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 luglio 2018 10:51 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2018 10:51
Zecche, allerta a Belluno: casi triplicati. Vaccino gratis per persone a rischio

Zecche, allerta a Belluno: casi triplicati. Vaccino gratis per persone a rischio (Foto Ansa)

BELLUNO – Allerta zecche a Belluno e dintorni: sono già tredici le persone che si sono dovute rivolgere al pronto soccorso per Tbe (Tick-Borne Encephalitis) o meningoencefalite, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] infezione virale che colpisce il sistema nervoso e che può provocare danni irreversibili.

Il Triveneto (Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto) è da sempre una delle più colpite, e lo è soprattutto la provincia di Belluno, dove si è concentrata la gran parte dei 35 casi di meningo-encefalite da zecca identificati in Italia tra il 1994 e il 1999.

 

Proprio in considerazione dell’alto numero di casi segnalati nella provincia di Belluno, casi triplicati rispetto a quelli registrati solo un anno fa nello stesso periodo, la Ulss 1 bellunese raccomanda di fare corretta prevenzione con il vaccino soprattutto alle persone più a rischio, coloro che vivono a contatto con la natura e i turisti che soggiorneranno in vacanza in queste zone, spiega il Corriere della Sera. Per molti di loro, vista la criticità della situazione, il vaccino è gratuito.

LEGGI ANCHE: ZECCHE, COME COLPISCONO E COME DIFENDERSI

A causa del clima caldo umido si sta allargando il raggio d’azione della zecca Ixodes ricinus in grado di trasmettere la Tbe inoculando il virus succhiato dal sangue di animali selvatici infetti attraverso il suo morso. Un morso che solitamente non provoca dolore, spesso non viene avvertito, tanto che ci si può rendere conto di essere stati contagiati solo quando compaiono i sintomi. Nella zona di Belluno si segnalano 132 episodi di Tbe negli ultimi dieci anni, il 40% di casi di malattia registrati in Italia. E la conseguenza dell’alto numero di morsi di zecche è che aumentano i casi anche di altre malattie trasmesse dalle zecche, tra cui la borreliosi o malattia di Lyme.