California, i terremoti dell’ultimo anno hanno svegliato la faglia di Garlock

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Ottobre 2019 23:02 | Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre 2019 23:05
Una strada dopo un terremoto, Ansa

Una strada dopo un terremoto (foto d’archivio Ansa)

ROMA – I terremoti, questo è noto, o almeno dovrebbe essere noto, non si possono prevedere. Gli scienziati americani, però, sono in allarme perché in questi giorni una faglia molto importante ha iniziato a muoversi dopo la sequenza di terremoti avvenuti nell’ultimo anno in California (il più forte di magnitudo 7,1). Parliamo della faglia di Garlock. Una faglia lunga 160 miglia che scorre nel deserto del Mojave e che potrebbe essere in grado di generare terremoti di magnitudo fino a 8. A raccontarlo è il Los Angeles Times.

Nuove immagini satellitari – si legge su uno studio che è stato pubblicato sulla rivista Science – hanno dimostrato che ora la faglia ha iniziato a muoversi causando anche un rigonfiamento del terreno.

This is surprising. “Questo è sorprendente – ha detto il principale autore dello studio, Zachary Ross, professore di geofisica a Caltech – perché fin qui la faglia non si era mossa. Non sappiamo cosa questo significhi”.

Gli ultimi terremoti che hanno colpito la California, quindi, devono aver destabilizzato questa regione desertica tra la catena montuosa del Sierra Nevada e la Death Valley.

La faglia, raccontano gli scienziati, ha iniziato a muoversi e ha anche generato un piccolo sciame sismico. Naturalmente non è possibile prevedere se la faglia da ora in poi causerà dei forti terremoti.

E poi c’è un altro problema. Un altro problema chiamato faglia di Sant’Andrea. Già perché questa faglia di Garlock potrebbe a sua volta destabilizzare la faglia di Sant’Andrea. Un problema non piccolo visto che la faglia di Sant’Andrea è ritenuta una delle più pericolose in California.

Dopo gli ultimi terremoti, l’USGS (United States Geological Survey) ha affermato che i terremoti di luglio hanno aumentato le probabilità che il prossimo anno si verifichi un terremoto di magnitudo 7,5 o maggiore sulle vicine faglie di Garlock, Owens Valley, Blackwater e Panamint Valley. I terremoti non si possono prevedere. Ma la prevenzione si può fare. Si deve fare. Prevenzione che in California si fa già da anni, da decenni.