Canne, le prime in Cina 2500 anni fa: si fumavano nei riti di sepoltura, si selezionava il thc più forte

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Giugno 2019 12:06 | Ultimo aggiornamento: 13 Giugno 2019 12:06
Canne, le prime in Cina 2500 anni fa: si fumavano nei riti di sepoltura, si selezionava il thc più forte

Canne, le prime in Cina 2500 anni fa: si fumavano nei riti di sepoltura, si selezionava il thc più forte

ROMA – Già 2500 anni fa nell’antica Cina si fumava la cannabis, ma non a scopo ricreativo, bensì durante rituali religiosi e cerimonie. Lo dimostrano le prime tracce di questo tipo, presenti nelle ceramiche rinvenute in otto tombe del cimitero di Jirzankal, nell’area orientale del paese, come spiega sulla rivista Science Advances un gruppo di ricercatori tedeschi e cinesi, guidati da Nicole Boivin, del Max Planck Institute per la scienza della storia umana di Jena.

Le analisi delle pietre dei diversi bracieri di legno hanno mostrato inoltre che le piante di cannabis usate avevano alti di livelli di tetracannabinolo (thc, il suo composto psicoattivo più potente). Ciò indicherebbe, secondo i ricercatori, che già allora erano alti i livelli di consapevolezza botanica che consentivano lavorazioni raffinate e criteri selettivi per scegliere tra le diverse varietà di piante quelle con più thc.

Per capire se i bracieri avessero una specifica funzione rituale, gli studiosi hanno estratto del materiale organico dai frammenti di legno e pietre bruciate, analizzandoli con la spettrografia di massa. Con grande sorpresa i risultati hanno mostrato la miscela esatta della cannabis, con un’alta quantità di tetracannabinolo. Probabilmente, ipotizzano i ricercatori, veniva fumata durante le cerimonie di sepoltura, forse per comunicare con le divinità o il defunto.

“Questi risultati corroborano l’ipotesi che le piante di cannabis siano state prima usate per le loro sostanze psicoattive nelle regioni montuose dell’Asia centrale orientale, e da lì si siano poi diffuse nelle altre regioni del mondo”, commenta Boivin. La regione in cui sono stati trovati, quella del Pamir, oggi così remota, a quel tempo si trovava lungo la prima Via della Seta. Secondo l’archeobotanico Robert Spengler, le rotte di scambio della Via della Seta hanno funzionato come i raggi di una ruota di bicicletta, dove al centro del mondo c’era l’Asia centrale. (fonte Ansa)