Cervello, quanti volti riesce a riconoscere? Circa 5mila tra amici e personaggi famosi

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 17 ottobre 2018 13:57 | Ultimo aggiornamento: 17 ottobre 2018 13:58
Cervello, ecco quanti volti riesce a riconoscere: circa 5mila volti

Cervello, quanti volti riesce a riconoscere? Almeno 5mila tra amici e personaggi famosi

ROMA – Una media di 5mila volti. Questo il numero di facce che il cervello umano è mediamente in grado di riconoscere, tra volti di amici e di personaggi noti, pur senza ricordarne il nome. Un numero superiore a quello che forse potreste immaginari, ma le nostre potenzialità di archiviazioni dati nel cervello possono superare le aspettative. A scoprire parte di queste potenzialità sono i ricercatori inglesi guidati da Rob Jenkins, professore del Department of Psychology dell’University of York, in Gran Bretagna.

Jenkins ha collaborato con i ricercatori dell’University of Aberdeen, in Scozia, e ha testato le capacità di 25 studenti dell’università di Glascow dell’età media di 24 anni, pubblicando i risultati ottenuti sulla rivista scientifica Proceeding B della Royal Society. Lo studio ha richiesto una sofisticata e ingegnosa strategia di ricerca basata proprio sulla rilevazione ed estrapolazione di dati, per valutare la capacità mnemonica dei 25 soggetti analizzati.

In particolare, i ricercatori hanno diviso le facce delle persone conosciute direttamente da quelle delle persone famose. Per ogni partecipante dunque è stato necessario preparare una dettagliata scheda di supporto mnemonico con 14 colonne in cui erano inseriti familiari, amici, amici di amici, compagni di scuola, docenti, vicini di casa: ogni persona che potesse essere conosciuta direttamente dal soggetto in esame. Ogni è stata riempita a strati, procedendo per sviluppo temporale della vita del partecipante. Ogni 5 minuti il lavoro è stato salvato e questo ha permesso di rilevare anche il tasso di avanzamento o di diminuzione del numero di facce ricordate.

I ricercatori hanno così scoperto che il riconoscimento dei volti diminuiva con l’avanzare dell’esperimento e sono riusciti, interrompendo la compilazione della colonna entro 1 ora, a determinare una stima dei volti ricordati dal singolo soggetto. Un sistema simile è stato poi utilizzato per stimare il numero di volti di personaggi famosi ricordati. In questo modo è stato possibile giungere alla conclusione che mediamente una persona è in grado di riconoscere tra i mille e i 10mila volti, anche magari non riuscendo ad associarlo ad alcun nome. Jenkins ha spiegato: “L’intervallo può essere spiegato da alcune persone che hanno una naturale attitudine a ricordare le facce. Ci sono differenza in quanta attenzione le persone danno alle facce e come efficientemente processano le informazioni. In alternativa, può riflettere differenti ambienti sociali e alcuni partecipanti sono cresciuti in ambienti più popolati e con maggiori input sociali”. 

Il professore e ricercatore ha poi aggiunto: “Sarebbe interessante vedere se c’è un picco di età per il numero di facce che siamo in grado di ricordare. Forse noi accumuliamo facce durante tutta la nostra vita, oppure ad un certo punto iniziamo a dimenticarne alcune passato una certa età”.