Come ringiovanire la memoria con mini-scosse indolori: lo studio

di Caterina Galloni
Pubblicato il 19 Aprile 2019 6:24 | Ultimo aggiornamento: 18 Aprile 2019 19:27
cervello scosse

Come ringiovanire la memoria con mini-scosse indolori: lo studio

ROMA – Mini scosse indolore in una precisa area del cervello, ringiovanirebbero la memoria degli over 64: è quanto emerge da uno studio della Northwestern University, pubblicato su “Neurology”. Secondo gli scienziati stimolare l’ippocampo migliora la normale perdita di memoria legata all’età e dai risultati, sembra che abbia funzionato poiché non c’era alcuna differenza tra i volontari più giovani e quelli anziani, di età compresa tra i 64 e gli 80 anni, che avevano partecipato al test. Dopo cinque giorni di miniscosse per 20 minuti al giorno la capacità mnemonica era uguale a quella delle persone più giovani, ha spiegato Joel Voss, autore principale della ricerca.

La stimolazione magnetica transcranica è stata effettuata nell’ippocampo, l’area del cervello che si “atrofizza” quando le persone invecchiano, responsabile del declino della memoria legato all’età. “Si tratta della parte del cervello che collega due cose non correlate fra loro in un ricordo, come ad esempio il posto in cui hai lasciato le chiavi o il nome del nuovo vicino di casa. Gli anziani spesso lamentano di avere problemi con questo tipo di ricordi”, ha detto Voss. Non è sicuro della durata dell’effetto ma spera di poter testare la stimolazione magnetica su persone con lieve deficit cognitivo, anticamera del morbo di Alzheimer.

Robert Reinhart, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: “Sono risultati importanti perché non solo forniscono nuove informazioni sul declino di memoria correlato all’età ma mostrano che i cambiamenti legati all’età non sono immodificabili”. (Fonte: Daily Mail)