Cometa di Natale è già arrivata: ecco come vedere 46P/Wirtanen

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 29 novembre 2018 11:24 | Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2018 16:12
Cometa di Natale 46P/Wirtanen è già arrivata: visibile in cielo

Cometa di Natale è già arrivata: 46P/Wirtanen è già visibile in cielo

ROMA – La cometa di Natale come ogni anno è arrivata nel nostro cielo, stavolta con un po’ di anticipo. Si chiama 46p/Wirtanen ed è già visibile anche a occhio nudo osservando la costellazione della Fornace. Ad annunciare il passaggio della cometa è stata lei stessa sul suo profilo Twitter curato da alcuni astronomi.

La cometa 46P/Wirtanen si trova a poco più di 23 milioni di chilometri dalla Terra ed è già visibile dall’Italia, soprattutto per chi abita in zone buie e prive di particolare inquinamento luminoso. Per il momento è ancora molto bassa sull’orizzonte e compare solo per poco tempo, ma la sua luminosità aumenterà fino a metà dicembre e rimarrà ben visibile fino all’inizio di gennaio, conquistando di diritto il suo soprannome “natalizio”.

Il prossimo 12 dicembre la cometa raggiungerà il punto di perielio, cioè di massima vicinanza al Sole, e poi il 16 dicembre il perigeo, cioè la distanza minima dalla Terra di appena 11.5 milioni di chilometri. A catturare una delle prime immagini è stato l’italiano Rolando Ligustri, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai), che all’Ansa ha raccontato: “E’ una cometa periodica scoperta nel 1948 dall’astronomo Carl A. Wirtanen. Il suo periodo è di circa 5 anni, quindi ogni 5 anni passa vicino al Sole e a noi, ma questa volta c’è la particolarità che passerà ‘molto’ vicino  (in termini astronomici), ossia solo a 11,5 milioni di chilometri dalla Terra”. 

Ligustri rileva inoltre che probabilmente la cometa 46P/Wirtanen potrà essere visibile a occhio nudo o con un piccolo binocolo, anche se questo sarà possibile soltanto osservandola in luoghi bui, lontani dalle luci delle città. Tuttavia, aggiunge, “essere cauti con le comete è sempre doveroso”. Pur essendo relativamente piccola, con un diametro di circa 1,2 chilometri, la cometa promette di essere comunque la più spettacolare degli ultimi anni. Non è possibile però fare previsioni certe, come nel caso della cometa Ison che nel 2013 si è disintegrata passando vicino al Sole e dopo essere stata data per spacciata è “resuscitata”, ma ha disatteso le aspettative.