Cubomedusa, qui da noi non c’è: si trova nei mari tra l’Australia e le Filippine

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 agosto 2018 10:14 | Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2018 10:14
Cubomedusa, qui da noi non c'è: si trova nei mari tra l'Australia e le Filippine

Cubomedusa, qui da noi non c’è: si trova nei mari tra l’Australia e le Filippine

ROMA – Carybdea marsupialis, più nota come vespa di mare o medusa scatola e soprattutto come cubomedusa, è uno degli esseri più velenosi del mondo, può uccidere addirittura in un minuto. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Venire a contatto con i suoi tentacoli che possono essere lunghi anche tre metri, può essere letale, come accaduto nel caso della bimba italiana morta nelle Filippine.

Va detto però che l’esemplare che vive nell’Adriatico non ha la stessa pericolosità di quelle tropicali. Pericolosità dovuta alle migliaia di cellule velenifere che si trovano appunto lungo i tentacoli. Quando le meduse nuotano i tentacoli si contraggono sino a 15 centimetri, quando invece stanno cacciando i tentacoli si assottigliano e si allungano fino a 3 metri. Ogni tentacolo è ricoperto da decine di migliaia di microscopiche nematocisti, le cellule che secernono veleno.

La sua presenza è stata riscontrata lungo le coste australiane, in tutto il bacino Indo-Pacifico, dalla Papua Nuova Guinea alle Filippine e in Vietnam, in Thailandia, Malesia, India, Papua Nuova Guinea e Hawai. L’anno scorso, la vespa di mare avrebbe ucciso una settantina di persone nel mondo.

Provoca uno choc anafilattico immediato: la sua “strisciata” è dolorosissima e provoca una intensa sensazione di calore. Il veleno quando entra nel circolo sanguigno causa intensi spasmi muscolari, paralisi respiratoria e infine arresto cardiaco.