Esplorazioni spaziali/ Per il prossimo futuro si cercheranno astronauti per viaggi di “sola andata”

di Dini Casali
Pubblicato il 20 Luglio 2009 12:39 | Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2011 20:25

ESTLP201A 40 anni dal primo passo dell’uomo sulla Luna un nuovo capitolo, tanto affascinante quanto pauroso, sta per aggiungersi all’epopea delle esplorazioni spaziali. La prossima generazione di astronauti dovrà scorrazzare per il cosmo per anni, forse decenni, alla scoperta di pianeti e lontane stelle e magari non tornare più.

La “frontiera finale” che abbiamo conosciuto dalle avventure di “Star Trek” sarà molto più di una metafora per coloro che saranno abbastanza pazzi per accettare un passaggio su una navicella spaziale. John Olson, esperto direttore della Nasa ha infatti rivelato al quotidiano inglese “The Guardian”  che le agenzie spaziali mondiali, o le imprese private che in futuro prossimo sono destinate a succedergli, potrebbero pubblicare inserzioni di questo tipo: «Biglietti spaziali di sola andata»!

Olson spiega che la prospettiva del non ritorno non agirebbe da deterrente: già in altre epoche storiche messaggi di questo tipo venivano accolti con entusiasmo da un numero sempre ragguardevole di avventurosi che poi venivano definiti pionieri, come coloro che si imbarcavano per i primi viaggi transoceanici o i conquistatori del selvaggio West degli Stati Uniti.