Filistei, scoperta la città di Ziklag: secondo la Bibbia, Davide vi trovò rifugio da Saul

di Caterina Galloni
Pubblicato il 11 Luglio 2019 5:15 | Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2019 20:44
Ziklag, scoperta la città biblica dei Filistei: Davide si rifugiò da Saul

Filistei, scoperta la città di Ziklag: secondo la Bibbia, Davide vi trovò rifugio da Saul

ROMA – Gli archeologi dell’Università ebraica di Gerusalemme e dell’Università Macquarie di Sydney (Australia) ritengono di aver scoperto la città filistea di Ziklag dove, secondo la Bibbia, tremila anni fa Davide trovò rifugio mentre cercava di sottrarsi alla cattura ordinata da Saul, primo re d’Israele. In seguito alla sua morte, Davide sarebbe succeduto al trono. 

Secondo gli archeologi, dopo sette stagioni di scavi nelle estremità delle colline della Giudea, la città di Ziklag sarebbe da localizzare nel sito di Khirbet a-Ra’i un villaggio in rovina situato su un’ elevazione da cui domina la via che conduce ad Ashkelon, sulla costa mediterranea. 

Ziklag, situata tra Kiryat Gat e Lachish, è menzionata più volte nella Bibbia, soprattutto nel libro di Samuele, quando il giovane Davide scappando da re Saul trovò rifugio dal sovrano filisteo Achish di Gat. Davide ricevette Ziklag come stato vassallo, sotto la protezione di Achish, e lo usò come base per le incursioni contro i Geshuriti, i Girziti e gli Amalekiti.

Secondo il libro di Samuele, la città fu distrutta dagli amalechiti e la popolazione ridotta in schiavitù. Quando re Saul fu ucciso in battaglia dai filistei, Davide lasciò Ziklag e si recò a Hebron per diventare re di Israele.
Il nome Ziklag fornisce anche indizi sull’origine dei suoi abitanti. Non è un nome semitico locale ma filisteo, ulteriore prova che i filistei non erano originari dell’area ma migrarono dall’Europa verso Israele. 

Nell’area archelogica di Khirbet a-Ra’i, di circa 1.000 mq, il team ha scoperto prove di un insediamento dell’era filistea risalente al XII-XII secolo a.C, con grandi strutture in pietra e reperti caratteristici della cultura filistea. I vasi in pietra e i recipienti metallici rinvenuti sul sito sono simili a reperti di questo periodo rinvenuti in precedenza negli scavi di Ashdod, Ashkelon, Ekron e Gat.

A Khirbet a-Ra’i fino ad oggi gli archeologi hanno scoperto circa 100 vasi di terracotta completi utilizzati, tra gli altri usi, per conservare vino e olio. Secondo Garfinkel, che ha guidato gli scavi nella città di Sha’arayim (Khirbet Qeiyafa), le brocche e le scodelle decorate sono tipiche del periodo di re Davide. (Fonte: timesofisrael.com e The Jerusalem Post)