Fossile di ammonite racchiuso nell’ambra: risale al periodo del Cretaceo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 maggio 2019 7:31 | Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2019 16:38
Fossile di ammonite racchiuso nell'ambra: risale al periodo del Cretaceo

Fossile di ammonite racchiuso nell’ambra: risale al periodo del Cretaceo

ROMA – Scoperto nel Mynmar quello che potrebbe rappresentare il primo esempio di guscio di ammonite racchiuso nell’ambra: secondo i paleontologi la creatura marina è morta dopo essere rimasta bloccata sulla spiaggia nel periodo del Cretaceo, ben 99 milioni di anni fa.

L’ambra prodotta dagli alberi solitamente intrappola alcuni insetti terrestri e le piante ma è molto raro trovare animali marini.

Il fossile racchiude una varietà di organismi, circa 40, come lumache acquatiche, antenati di acari, mosche, scarafaggi, un ragno, una vespa parassita e un millepiedi, che risalgono al Cretaceo, come ha spiegato Wang Bo dell’Istituto Nanjing di Geologia e Paleontologia, co-autore dello studio pubblicato sulla rivista PNAS.

5 x 1000

L’ammonite presente nell’ambra è una Puzosia giovanile (Bhimaites) e la sua presenza potrebbe risalire a 93 milioni di anni fa: per i paleontologi si tratta di un reperto straordinario. 

Secondo gli scienziati la resina è stata generata da alberi presenti in un ambiente costiero, quando le creature marine rimasero intrappolate nell’ambra erano già morte, come dimostrano i resti, probabilmente spazzate via da un evento meteorologico. Una volta sulla terraferma i resti si sono mescolati a quelli degli organismi terrestri catturati dalla resina, producendo lo straordinario reperto. (Fonte: Daily Mail).