Gene XQ28, qui c’è l’omosessualità

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 febbraio 2014 10:49 | Ultimo aggiornamento: 17 febbraio 2014 10:49
Gene XQ28, qui c'è l'omosessualità

Gene XQ28, qui c’è l’omosessualità

NEW YORK – Lomosessualità è decisa dai geni. Anzi, da un gene: l’Xq28. E’ la tesi dello psicologo della Northwestern University Michael Bailey. 

Già nel 1993 Dean Hamer aveva notato che alcuni uomini gay hanno in comune una parte del cromosoma X, in particolare marker genetici simili nella regione Xq28 del cromosoma X. Adesso, ci informa Paolo Mastrolilli sulla Stampa, Bailey è tornato su questo punto, conducendo una ricerca su 400 omosessuali nati dagli stessi genitori. E ha concluso che almeno due geni influenzano l’orientamento sessuale: uno nella regione Xq28, l’altro nel cromosoma 8.

Secondo Bailey, questi geni vengono trasmessi dalle madri ai figli, e sarebbero sopravvissuti all’evoluzione perché rendono le donne più fertili.

Lo stesso psicologo ammette che la sua scoperta non spiega del tutto il fenomeno, ma, secondo lui, i geni decidono l’orientamento sessuale solo in 3 o 4 casi su 10.