Giove e Venere in congiunzione martedì 30 giugno

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Giugno 2015 9:15 | Ultimo aggiornamento: 27 Giugno 2015 9:15
Giove e Venere in congiunzione martedì 30 giugno

Giove e Venere in congiunzione martedì 30 giugno

ROMA – Giove e Venere sono in rotta di collisione (apparente) nella volta celeste e poco dopo il tramonto splendono come non mai. È una congiunzione spettacolare fra i due oggetti più luminosi del cielo dopo il Sole e la Luna, un fenomeno che raggiungerà il culmine martedì 30 giugno.

Per ammirare i due pianeti basta guardare verso ovest nelle prime ore dopo il calare del Sole. Non servono telescopi o binocoli: si vedono chiaramente anche a occhio nudo. Venere è il più luminoso, Giove è quello un po’ meno brillante.

Giorno dopo giorno, i due corpi celesti si stanno avvicinando sempre più. Raggiungeranno la minima distanza il 30 giugno, quando saranno a 22 primi d’arco l’uno dall’altro. In pratica, a una distanza che è circa la metà del diametro apparente della Luna piena. Una congiunzione da manuale, per la quale molti appassionati di astronomia si sono già mobilitati, organizzando serate a tema in molti osservatori italiani.

Ovviamente non c’è alcun rischio di impatto fra i due pianeti. La vicinanza nella volta celeste è solo frutto di un gioco prospettico. Nella realtà si trovano a circa 800 milioni di chilometri l’uno dall’altro.