Il batterio Frank Zappa. Scoperta di cervelli fuggiti, rientrati e ora precari

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 febbraio 2014 20:13 | Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2014 20:13
Il batterio Frank Zappa. Scoperta di cervelli fuggiti, rientrati  e ora precari

Il batterio Frank Zappa. Scoperta di cervelli fuggiti, rientrati e ora precari

ROMA  – Cervelli fuggiti, rientrati e ora  precari scoprono il primo batterio passato dall’uomo alle piante: nell’uomo è responsabile dell’acne ed è stato chiamato P. Zappae, in onore di Frank Zappa, per il significato che ha in italiano il cognome del celebre musicista.

La scoperta si deve a un gruppo di ricerca in gran parte italiano coordinato dal microbiologo Andrea Campisano della Fondazione Edmund Mach a San Michele all’Adige (Trento) che ha pubblicato lo studio sulla rivista Molecular Biology and Evolution.

Cruciale il contributo di Omar Rota-Stabelli, evoluzionista molecolare che ha analizzato i geni del batterio e ne ha stabilito l’epoca del passaggio e del genetista evolutivo, Lino Ometto, che ha dato la certezza statistica che si tratta di un ceppo nuovo, entrambi sono della Fondazione Mach.

Tutti e tre sono tornati in Italia pochi anni fa col rientro dei cervelli, ma si sono scontrati con la crisi e sono ancora precari. Ometto addirittura è senza lavoro da cinque mesi. La scoperta è stata fatta analizzando il microzoo di batteri virus e funghi raccolto dagli steli di piante campionate da diversi siti di tutto il Nord-est d’Italia. Il batterio colonizza le cellule dei tessuti della corteccia e del midollo ma ”anche se ? spiega Rota-Stabelli – non sono stati fatti ancora test specifici apparentemente non sembra danneggiare le viti”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other