Ippocampo, sede memoria più piccola nel cervello di chi soffre di psicosi

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 15 Maggio 2014 7:30 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2014 16:37
Ippocampo, sede memoria più piccola nel cervello di chi soffre di psicosi

(Foto LaPresse)

ROMA – Nel cervello è l’ippocampo la regione che custodisce i nostri ricordi. Una sorta di “scrigno” della memoria che nei pazienti che soffrono di psicosi, dalla schizofrenia al disturbo bipolare, è di dimensioni ridotte rispetto alla media. Questo il risultato dello studio condotto da Ian Mathew della Harvard Medical School di Boston e pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry.

Lo studio ha incluso 219 pazienti con schizofrenia, 142 con disturbo schizoaffettivo (una psicosi con alcuni sintomi della schizofrenia e con sintomi maniacodepressivi) e 188 con disturbo bipolare, insieme a 337 persone sane di controllo. Analizzando le attività cerebrali in tutti i soggetti attraverso la risonanza magnetica i ricercatori hanno scoperto che nei pazienti affetti da psicosi l’ippocampo aveva dimensioni ridotte rispetto alle persone sane. Inoltre più il disturbo è grave, minori sono le dimensioni di questa regione del cervello.

Il lavoro è il frutto di una collaborazione di varie strutture universitarie, tra cui la Harvard University, il Maryland Psychiatric Research Center, l’University of Chicago/University of Illinois a Chicago, l’University of Texas Southwestern Medical Center a Dallas e l’Institute of Living/Yale University.

Secondo gli autori, i risultati rappresentano un punto di partenza nella comprensione di queste patologie, che sembra trovarsi proprio nel centro della memoria:

“I risultati indicano che il centro della memoria è un nodo chiave nelle psicosi. Capire le conseguenze funzionali di queste alterazioni potrebbe facilitare interventi mirati nella gestione delle psicosi”.