Luna, scoperti depositi di acqua ghiacciata nelle regioni polari

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 agosto 2018 6:00 | Ultimo aggiornamento: 21 agosto 2018 21:16
Luna, acqua ghiacciata nelle regioni polari: la scoperta

Luna, scoperti depositi di acqua ghiacciata nelle regioni polari

ROMA – Sulla superficie della Luna c’è abbondante acqua ghiacciata, nascosta nelle aree delle regioni polari costantemente all’ombra. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Questa l’importante scoperta avvenuta grazie ad una tecnica di imaging in grado di distinguere la presenza di acqua in diversi stati, sia essa localizzata in superficie oppure assorbita dal terreno o in rocce minerali.

Una scoperta importante, dato che il ghiaccio potrebbe essere utilizzato come riserva d’acqua dagli astronauti per le future missioni che prevedono la costruzione di basi lunari, secondo quanto indicato nella ricerca pubblicata sulla rivista Proceedings Of The National Academy Of Science (Pnas) e coordinata da Shuai Li, dell’Istituto di geofisica e planetologia delle Hawaii.

I ricercatori hanno identificato la presenza inequivocabile del ghiaccio grazie ai dati inviati dallo strumento Moon Mineralogy Mapper (M3) a bordo della sonda Chandrayaan-1 dell’Agenzia Spaziale Indiana che ha esplorato la luna dal 2008 al 2009, una missione costata 69 milioni di dollari. E’ stato osservato che il ghiaccio è presente nel 3,5% delle aree perennemente in ombra di entrambe le regioni polari della Luna, dove le temperature raggiungono fino a 160 gradi sotto lo zero.

L’acqua ghiacciata depositata in queste trappole fredde sarebbe arrivata attraverso due meccanismi: potrebbe essere stata portata dall’impatto di meteoriti e comete oppure potrebbe essere “migrata” lentamente dall’atmosfera estremamente rarefatta (esosfera) della Luna.

“Abbiamo trovato prove dirette e definitive della presenza di ghiaccio nelle regioni polari lunari, la quantità e la distribuzione del ghiaccio sulla Luna è diversa da quella di altri corpi del sistema solare interno come il pianeta Mercurio e il pianeta nano Cerere, dove però il ghiaccio d’acqua è più puro e abbondante rispetto alla Luna”, hanno scritto gli autori.

La piccola inclinazione degli assi di rotazione di Mercurio, Luna e Cerere genera infatti depressioni nelle regioni polari, che sono perennemente ombreggiate e che fungono da trappole fredde in grado di accumulare nel tempo composti volatili, come l’acqua.