Milionario della Silicon Valley spende 10mila$ per farsi caricare il cervello sul cloud. Ma è mortale

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 marzo 2018 6:59 | Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2018 1:47
Milionario della Silicon Valley spende 10mila$ per farsi caricare il cervello sul cloud. Ma è mortale

Milionario della Silicon Valley spende 10mila$ per farsi caricare il cervello sul cloud. Ma è mortale

SAN FRANCISCO – Sam Altman, giovane milionario della Silicon Valley, è disposto a pagare 10 mila dollari per sottoporsi a un “trattamento” mortale ma che consentirebbe di caricare il cervello sul cloud, un processo che in futuro sarà in grado di digitalizzare l’organo cerebrale. Altman è una delle 25 persone in lista d’attesa su Nectome, una startup company che sostiene di poter caricare il contenuto del cervello di una persona e memorizzarlo su un computer. Ma il “trattamento” a cui ha dato la sua adesione il 32enne, prevede la morte in un processo simile all’eutanasia, legale solo in cinque Stati degli Usa.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

La compagnia fondata da Altman, Y Combinator, finanzia startup come Nectome.
Nel processo di vetrificazione vengono iniettate nel cervello delle sostanze chimiche imbalsamanti che preservano la struttura neurale così che successivamente venga simulata su un computer, secondo MIT Technology Review. Nectome ha affermato che il metodo è “100% mortale”, scrive il Daily Mail.  “L’esperienza sarà identica al suicidio assistito dal medico”, ha dichiarato alla rivista il co-fondatore di Nectome, Robert McIntyre.

Ian Pearson, futurologo, ritiene che nell’arco di 50 anni, gli uomini saranno in grado di caricare il cervello sul cloud, come detto nel corso di un’intervista al Sun. Nectome non è ancora in grado di digitalizzare un cervello umano, ma ha già dimostrato notevoli capacità preservando prima il cervello di un coniglio nel 2016 e quello di un maiale a inizio 2018. Ciò ha consentito alla società di vincere due premi dalla Brain Preservation Foundation e di guadagnarsi anche la fiducia del giovane milionario della Silicon Valley.