4 luglio parte missione Sumi: misurerà campi magnetici del Sole

Pubblicato il 4 luglio 2012 2:23 | Ultimo aggiornamento: 4 luglio 2012 2:24

MILANO – E' previsto per il 4 luglio il lancio di Sumi (Solar Ultraviolet Magnetograph Investigation), la missione della Nasa destinata a misurare i campi magnetici del Sole all'origine di potenti esplosioni come i brillamenti e le eruzioni all'origine delle tempeste magnetiche. L'indagine si concentrera' su un'area considerata particolarmente difficile da studiare, cioe' la cromosfera, quel sottile strato dell'atmosfera solare posto tra la superficie visibile (la fotosfera) e la corona.

Lo strumento Sumi verra' lanciato a bordo di un razzo dal White Sands Missile Range nel Nuovo Messico. Il suo volo durera' in tutto otto minuti, quel tanto che basta per indagare meglio i meccanismi alla base del riscaldamento della corona e della formazione del vento solare.

''La novita' di questo strumento – spiega Jonathan Cirtain, fisico del Centro spaziale della Nasa presso Huntsville e responsabile scientificodi Sumi – e' che osserva la luce ultravioletta, quando tutti gli altri hanno solo potuto osservare gli infrarossi e la luce visibile''.

Per misurare i campi magnetici, Sumi osservera' i raggi ultravioletti emessi da due tipi di atomi del Sole, il magnesio 2 e il carbonio 4. Inoltre, attraverso precisi metodi di misurazione, i ricercatori potranno rilevare l'originale lunghezza e direzione dei campi magnetici, cosi' da creare una mappa tridimensionale della regione. La ricerca permettera' inoltre di prevedere come avvengano le eruzioni solari.

5 x 1000

''Con una conoscenza approfondita del fenomeno, grazie al successo della missione Sumi – aggiunge Cirtain – potremmo creare una valida strumentazione che ci aiutera' a capire i processi d'esplosione e a prevedere il tempo meteorologico dello spazio''.