Nasa ed Esa vogliono portare campioni di Marte sulla Terra

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 maggio 2018 16:04 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2018 16:04
NASA ed ESA vogliono portare campioni di Marte sulla Terra

NASA ed ESA vogliono portare campioni di Marte sulla Terra. Nella foto: rappresentazione artistica della missione InSight (fonte: Nasa)

ROMA – Nasa ed Esa hanno firmato un accordo per esplorare la possibilità di portare sulla Terra campioni di Marte. L’impresa non è facile: richiederebbe più missioni e il lancio dal pianeta rosso, mai fatto prima.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

Una prima missione, la Mars 2020 della Nasa, prevede un rover destinato a raccogliere campioni e sistemarli in 31 piccoli contenitori. Quasi contemporaneamente, il rover europeo ExoMars, il cui arrivo è previsto nel 2021, perforerà la superficie per cercare prove di vita e raccogliere campioni.

Un altro rover più piccolo dovrebbe atterrare successivamente per prendere in ‘consegna’ il materiale raccolto, sistemarlo in un contenitore grande quanto un pallone da calcio e collocarlo sul razzo Mars Ascent Vehicle (Mav). Questo dovrebbe effettuare il primo decollo da Marte e portare il contenitore nell’orbita del pianeta rosso. Una quarta missione dovrebbe inviare un veicolo nell’orbita di Marte per recuperare i campioni e portarli a Terra.

Intanto il prossimo 5 maggio è previsto il lancio della nuova missione della Nasa su Marte, la prima destinata a studiare il ‘cuore‘ del pianeta rosso. Si chiama InSight (Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport). Il lancio è previsto dalla base californiana di Vandenberg con un razzo Atlas V. Il viaggio durerà poco più di sei mesi: l’arrivo è previsto il 26 novembre 2018, nei pressi dell’equatore marziano.

La sonda sarà in ‘servizio’ per 728 giorni terrestri, per studiare crosta, mantello e nucleo di Marte. Lo farà grazie a una sonda di calore, per misurare l’energia proveniente dalle profondità, e un sismografo per rilevare le onde sismiche che sono generate da vulcanismo e fratture della crosta. Le onde sismiche permetteranno di mettere a punto una sorta di ‘radiografia‘ di Marte che ne rivelerà il cuore.