Fame nello spazio, una stella vuole mangiare il pianeta “caldo” WSAP-12b

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 26 maggio 2010 14:16 | Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2015 14:08

Non solo è il pianeta più caldo della via lattea, ma potrebbe essere anche quello dalla vita più breve. È da tempo che si temeva per la sorte di WSAP-12b, il pianeta extra-solare che rischia di essere inghiottito dalla sua stella, la nana gialla WASP-12. Ora, però, quelle che erano solo previsioni sono diventate certezza.

La scoperta della stella, situata a circa 600 anni luce dalla Terra nella costellazione di Auriga, risale al 2008 ed è dovuta al programma per la ricerca di nuovi pianeti WASP (Wide Area Search for Planets), ma è solo nel febbraio scorso che grazie allo strumento COS (Cosmic origins spectrograph), del telescopio Hubble, è stato possibile osservare che il malcapitato è talmente vicino alla stella da percorrere l’orbita in appena 1.1 giorni, e la temperatura superficiale si aggira sui 1500 gradi.

Inoltre la sua atmosfera sta cedendo una grande quantità di materia, ed il pianeta ha abbandonato la usuale forma sferica, e preso quella di un pallone da rugby. I risultati della scoperta sono stati pubblicati sul The Astrophysical Journal Letters del 10 maggio scorso, e così commentati da Carole Haswell, capo ricerca della Open University in Gran Bretagna: “Abbiamo visto un’enorme nube di materia in fuga attorno al pianeta, che sarà catturata dalla stella. Inoltre abbiamo identificato elementi chimici mai visti finora su altri pianeti extra-solari”.

La rarità dell’evento non è però legata allo scambio di materia tra i due oggetti stellari, fenomeno comune nelle stelle binarie, bensì al fatto che nel processo sia coinvolto un pianeta, a cui restano da vivere appena 10 milioni di anni.

Ecco le immagini di WASP-12 e il suo pianeta: