I Neanderthal erano cacciatori sofisticati: colpivano in gruppo e a distanza ravvicinata

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 giugno 2018 6:44 | Ultimo aggiornamento: 27 giugno 2018 1:38
I Neanderthal erano cacciatori sofisticati: colpivano in gruppo e a distanza ravvicinata

I Neanderthal erano cacciatori sofisticati: colpivano in gruppo e a distanza ravvicinata

ROMA – I Neanderthal erano “esperti cacciatori” e usavano lance di legno per colpire la preda a distanza ravvicinata. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Oltre a movimenti di pugnalata e infilzamento, usavano complesse tecniche di caccia che coinvolgevano gruppi di persone.

I Neanderthal si muovevano insieme, nascosti nei boschi, e tendevano un agguato ad alcune delle enormi bestie che vagavano sul pianeta nel remoto passato, scrive il Daily Mail. Gli esperti hanno fatto la scoperta scannerizzando i resti di una preda, alcuni dei quali risalivano a 120 mila anni fa. “Spesso i Neanderthal sono raffigurati con una lancia in mano e abbiamo ritrovato alcune di queste nei siti” ha scritto Annemieke Milks, dottoranda di archeologia all’UCL, su The Conversation.

Sembra che i Neanderthal utilizzassero le lance per pugnalare la preda e ne sono esempio due scheletri di grandi daini estinti, trovati intorno alle rive di un piccolo lago Neumark-Nord, vicino all’odierno Halle nella parte orientale della Germania. Recavano segni di armi di Neanderthal, che risalgono a circa 120 mila anni fa; le ferite per lungo tempo sono rimaste un mistero ma Sabine Gaudzinski-Windheuser, dell’Istituto di studi antichi dell’Università di Mainz, ha guidato un gruppo di ricercatori sperando di ricreare le ferite sulle carcasse dei daini odierni così da far luce su come esattamente i cacciatori di Neanderthal usassero le armi.

Gaudzinski-Windheuser e i colleghi hanno utilizzato tecniche di imaging al microscopio, immagini al rallentatore e test balistici per analizzare la caccia simulata. Hanno scoperto che molto probabilmente i Neanderthal si avvicinavano agli animali a distanza ravvicinata, spingessero invece che lanciare le lance di legno negli animali, quasi certamente dal basso.

In Germania e Inghilterra, sono state precedentemente scoperte delle lance che risalgono a 300.000 e 400.000 anni. Gaudzinski-Windheuser ritiene che i metodi di caccia potrebbero essere stati ancora più elaborati: “Aver usato trappole, anche se non abbiamo prove”.

Ci sono invece prove delle lance attraverso le ferite sul daino gigante, per cui si ritiene che i Neanderthal abbiano cacciato una varietà di prede preistoriche.come i grandi carnivori del Pleistocene, i grandi erbivori e animali appartenenti alla megafauna, mammiferi pesanti più di 40-50 chili.