Neanderthal, niente disegni o incisioni. Nessuna capacità artistica perché il cervello…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 febbraio 2018 5:00 | Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2018 6:21
Neanderthal, niente disegni o incisioni. Ecco perché mancavano di capacità artistiche

Neanderthal, niente disegni o incisioni. Ecco perché mancavano di capacità artistiche

ROMA – A differenza dell’Homo sapiens, gli uomini di Neanderthal non hanno lasciato pitture murali o incisioni, non erano in grado di disegnare immagini riconoscibili di animali o persone.

Un nuovo studio ne spiega il motivo: la mancanza di abilità artistica era strettamente correlata alle inferiori capacità di caccia dei Neanderthal. Sia il disegno che la caccia richiedono una coordinazione occhio-mano, che mancava ai Neanderthal e che, affermano gli scienziati, potrebbe aver contribuito alla loro estinzione.

I Neanderthal erano presenti principalmente in Eurasia, tra 120.000 e 35.000 anni fa, e usavano lance di spinta a distanza ravvicinata per uccidere cavalli, renne, bisonti e altri grandi animali che non avevano sviluppato diffidenza verso gli umani, come riporta il Daily Mail.

Nella ricerca, gli scienziati propongono una nuova teoria per l’evoluzione del cervello umano: grazie agli oltre 500mila anni passati a cacciare prede diffidenti verso gli umani e difficili da catturare nell’Africa sub-Sahariana, l’Homo Sapiens avrebbe sviluppato un cranio più rotondo e una più grande corteccia parietale, una regione del cervello che si occupa di integrare quello che vediamo con la coordinazione dei nostri movimenti.

Richard Coss, psicologo e artista all’University of California, ha usato foto e filmati per studiare i disegni a carboncino e incisioni di animali fatti dagli uomini di 28.000 a 32.000 anni fa nella grotta Chauvet-Pont-d’Arc nel sud della Francia.

“Poiché disegnare migliora le capacità di osservazione, forse questi disegni sono stati utili per concettualizzare la caccia, valutare l’attenzione del gioco, selezionare le aree del corpo vulnerabili come bersagli e promuovere la coesione del gruppo attraverso le cerimonie spirituali”, scrive Coss e aggiunge che l’avvento del disegno potrebbe aver posto le basi per i cambiamenti culturali, ha affermato Coss.

“I Neanderthal potevano visualizzare mentalmente gli animali ma non erano manualmente in grado di tradurre efficacemente quelle immagini in disegni”, sostiene Coss. La teoria che i Neanderthal praticavano l’arte si basa su un numero limitato di esempi, come quello che si trova nella parte posteriore di Gorham’s Cave, a Gibilterra. Lo studio è stata pubblicato sulla rivista Evolutionary Studies in Imaginative Culture.