Neanderthal estinti perché non utilizzavano arco e frecce?

di Caterina Galloni
Pubblicato il 4 Ottobre 2019 6:00 | Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre 2019 20:54
Neanderthal estinti arco frecce

Uomo di Neanderthal (Foto archivio ANSA)

ROMA – I Neanderthal si estinsero perché non disponevano arco e frecce utilizzati invece abilmente dall’Homo Sapiens: è quanto sostengono gli archeologi di un gruppo di ricerca italo-giapponese coordinato da Katsuhiro Sano, dell’Università di Tohoku, Adriana Moroni, dell’Università di Siena, e dal paleoantropologo Stefano Benazzi, del dipartimento dei Beni culturali dell’Università di Bologna. 

Nel corso di uno scavo nella Grotta del Cavallo, una cavità carsica che si affaccia sulla Baia di Uluzzo, in Puglia, sono state rinvenute le più antiche testimonianze della presenza dell’uomo moderno in Europa, datate fino a 45.000 anni fa. Ventimila anni prima di quanto si pensasse. Lance, archi e frecce dei nostri antenati permettevano loro di uccidere gli animali più facilmente rispetto ai Neanderthal.

Stefano Benazzi ha spiegato :”L’uomo di Neanderthal e l’uomo moderno hanno convissuto in Europa per almeno 5.000 anni, ma ancora non sappiamo perché i nostri antenati riuscirono a radicarsi e diffondersi una volta arrivati sul continente, mentre la popolazione autoctona dei Neanderthal diminuì progressivamente fino a scomparire circa 40.000 anni fa”.

Nella Grotta del Cavallo, sede del primo insediamento del Paleolitico superiore in Europa, il team ha scoperto più di 140 fossili di resti di animali e tracce di ocra, gomma vegetale e cera d’api, probabilmente utilizzate come colla per stabilizzare la punta delle frecce.

I risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista Nature Ecology and Evolution, arrivano a pochi giorni di distanza dalla scoperta di 257 impronte fossili in Francia occidentale risalenti a circa 80.000 anni fa e che fa ritenere che i Neanderthal fossero molto più alti di quanto si pensasse. (Fonte: Daily Mail)