Scienza e Tecnologia

Si cerca partner che assomigli ai genitori: Sigmund Freud aveva ragione

sigmund-freud-psicanalis

Sigmund Freud

ROMA – Sembra che Freud avesse ragione: si cerca un partner che somigli ai genitori, soprattutto nel colore degli occhi. Un nuovo studio ha scoperto che gli uomini sono attratti da donne che hanno il colore degli occhi della madre e le donne, quelli del padre.

Il che confermerebbe una teoria nota come “imprinting sessuale”,  secondo cui i mammiferi scelgono i partner in base alle caratteristiche dei genitori e una parte fondamentale della teoria del complesso di Edipo di Sigmund Freud. Coniato nel 1910, il complesso di Edipo ipotizza che gli esseri umani siano inconsciamente attratti dal genitore di sesso opposto. “È il destino di tutti noi, forse, dirigere il nostro primo impulso sessuale verso la madre”, affermava Sigmund Freud, che giunse alla considerazione che le persone provassero il desiderio di essere sessualmente coinvolti con il genitore di sesso opposto.

I ricercatori della Glasgow University hanno chiesto a 300 uomini e donne il colore degli occhi dei genitori e quelli del partner. Hanno suddiviso i colori in due gruppi: chiaro (nocciola, verde, blu-verde, blu e grigio) e scuro (nero, marrone scuro e marrone chiaro). Uomini gay e donne eterosessuali avevano la doppia probabilità di aver scelto un partner con un colore degli occhi simili al padre mentre uomini etero e donne gay, due volte e mezzo in più di probabilità di avere partner con occhi di un colore simile alla madre.

Ma i ricercatori non hanno spiegato se nella scelta di un partner che somigli a un genitore, ci sia un vantaggio evolutivo. “In questo studio abbiamo dimostrato che il colore gli occhi del partner era scelto in base al colore di quello del genitore di sesso opposto, i risultati vanno a sostegno della teoria dell’imprinting sessuale”.

A maggio di quest’anno altri ricercatori hanno affermato di aver trovato “prove evidenti” rispetto alle somiglianze tra i volti dei fratelli e dei partner. Anche se l’idea di avere un rapporto con una persona che somiglia al proprio fratello può essere inquietante, unirsi a qualcuno che gli somiglia potrebbe rappresentare un vantaggio genetico, sostengono i ricercatori della Northumbria University. Hanno chiesto a 32 volontarie di classificare le somiglianze facciali tra i fratelli e i fidanzati. I 32 fratelli avevano tra i 18 e i 40 anni e i 32 partner tra i 20 e i 37 anni. Inoltre, 48 fotografi (24 fratelli, 24 partner) sono stati trovati on line da un ricercatore incaricato di cercare fotografie relativamente recenti di fratelli e partner di personaggi pubblici o celebrità”, ha detto Tamsin Saxton della Northumbria University al MailOnline. Alle partecipanti è stata data una fotografia del fratello e di 4 altri uomini, uno dei quali era il partner.

Alla fine è stato chiesto loro di indicare quale dei 4 uomini somigliava di più al fratello; i risultati mostrarono che c’era una “chiara evidenza della somiglianza tra il partner e il fratello”. “I volti che somigliano anche in modo impercettibile ai fratelli possono presentare segnali utili nella scelta di un partner per riprodursi, con un livello ottimale di diversità genetica”.

To Top