Riscaldamento globale, gli scienziati: “Negli Stati Uniti orientali aumenta il freddo perché…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 febbraio 2018 6:50 | Ultimo aggiornamento: 15 febbraio 2018 18:54
(foto Ansa)

(foto Ansa)

NEW YORK – Alcune regioni degli Stati Uniti non corrispondono al modello di cambiamento climatico, e alcuni scienziati del Dartmouth College hanno fornito una spiegazione sul perché alcune aree della Nazione diventano sempre più fredde in alcune stagioni anziché riscaldarsi, il che si allinea alle teorie sul cambiamento climatico.
In inverno, il sud-est ha costantemente mostrato temperature più fredde, mentre il Midwest ha mostrato costantemente temperature più fredde durante l’estate e ciò è accaduto dalla metà del 20° secolo.
I ricercatori ora hanno affermato che è causato da cambiamenti nella corrente a getto, diventati più incerti decenni fa, causando l’avvio di temperature inferiori alla media.

Il report spiega: “Le schiaccianti prove scientifiche hanno dimostrato che il pianeta si sta riscaldando a causa dei cambiamenti climatici, ma aree degli Stati Uniti orientali si stanno effettivamente raffreddando”.
Gli scienziati hanno scoperto che il fenomeno è un “bersaglio mobile”, noto come il buco di riscaldamento degli Stati Uniti.
“Durante l’inverno e la primavera, il buco di riscaldamento degli Stati Uniti si trova sopra il sud-est, poiché il vortice polare consente all’aria artica di penetrare nella regione. Ciò ha portato a temperature costantemente più fredde in tutto il sud-est”.

Ma il “buco di riscaldamento” cambia località in estate, si sposta verso nord, nel Midwest.
Jonathan Winter, professore assistente al Dartmouth College, ha spiegato il significato del nuovo report:”Scoprendo che la posizione del buco del riscaldamento degli Stati Uniti dipende dalla stagione, abbiamo trovato un nuovo modo per aiutare a capire questo fenomeno”.

Per lo studio, pubblicato su Geophysical Research Letters, gli scienziati hanno utilizzato i dati della National Oceanic and Atmospheric Administration che includevano 1.722 stazioni per le precipitazioni e 1.407 stazioni per le temperature. Hanno analizzato i dati dal 1901 al 2015 e sono stati quindi in grado di identificare le posizioni che mostrano temperature costantemente più fredde del solito verificatesi nel corso di 55 anni, dal 1960 al 2015.
“Le temperature giornaliere nel buco di riscaldamento si sono raffreddate in media di 1,2 gradi Fahrenheit dal 1958, rispetto a un riscaldamento globale medio di circa 1 grado Fahrenheit nello stesso periodo”, ha affermato l’analisi.
La ricerca ha associato una corrente a getto più ondulata conle  temperature invernali nel sud-est. Gli scienziati sostengono che la corrente a getto è legata ai cicli climatici che si verificano naturalmente sul Pacifico e sull’Atlantico.
Inoltre, potrebbe essere collegato al cambiamento climatico, afferma il report. “Ricerche precedenti hanno dimostrato che le temperature di riscaldamento e lo scioglimento dei ghiacci artici creano le condizioni per una corrente a getto più ondulata”, ha spiegato.
La corrente a getto sopra gli Stati Uniti ha iniziato a diventare più ondulata negli anni ’50, che coincide con l’inizio del buco di riscaldamento.
Per questo, dalla fine degli anni ’50 il vortice polare ha raffreddato gli Stati Uniti sudorientali durante l’inverno”, ha affermato lo studio.
L’autore dello studio Trevor Partridge ha spiegato:”Le recenti ondate di freddo estremo nel sud-est, che sembrano un controsenso al riscaldamento globale, possono essere collegate al buco di riscaldamento degli Stati Uniti.”
I ricercatori non hanno tracciato una connessione tra il buco di riscaldamento e le temperature più fredde nel Midwest durante l’estate.
“Questa conclusione supporta studi precedenti che trovano collegamenti tra il buco di riscaldamento estivo nel Midwest e l’intensificazione dell’agricoltura, l’aumento dell’irrigazione e dell’inquinamento atmosferico, che hanno principalmente un impatto sul clima in estate e autunno”, è affermato nello studio.