Robotica, dal Giappone l’armatura bionica che rafforza le gambe

Pubblicato il 3 Novembre 2010 1:07 | Ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2010 1:19

Ricorda nell’aspetto le armature meccaniche viste nei film di fantascienza, con gli arti che vanno a formare una sorta di piedistallo robotico su cui sale il ‘conducente’: è l’ultima evoluzione dell’armatura robotica realizzata in Giappone e in grado di potenziare di 40 chilogrammi la forza delle gambe umane.

La macchina pesa in tutto 38 chilogrammi ed è guidata da un computer da portare sulla schiena. Grazie ai sensori a sei assi posti all’altezza delle articolazioni, l’armatura è in grado di rilevare in anticipo i movimenti delle gambe umane, moltiplicandone la forza e seguendone al tempo stesso la direzione.

A differenza del modello originale presentato nel gennaio scorso, un prototipo da 230 chilogrammi dotato anche di meccanismi per potenziare le braccia, la nuova versione dell’armatura è già pronta per la vendita, anche se limitatamente al settore della ricerca: per una somma di circa 18 milioni di yen (quasi 160.000 euro), istituti scientifici e università possono acquistare l’armatura cibernetica adattandola alle proprie esigenze, proseguendone lo sviluppo, grazie a una piattaforma di gestione completamente riprogrammabile.

I responsabili dell’azienda costruttrice, Activelink (Panasonic) contano di realizzare una versione perfezionata della macchina entro i prossimi tre anni, in modo da poter presentare un modello commerciale utilizzabile in ambiente lavorativo.