“Sarco”, la prima macchina per il suicidio domestico

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 aprile 2018 6:47 | Ultimo aggiornamento: 11 aprile 2018 19:50
"Sarco", la prima macchina per il suicidio domestico

“Sarco”, la prima macchina per il suicidio domestico

AMSTERDAM – “Sarco” la macchina per il suicidio domestico sarà “testata” dal pubblico, per la prima volta, al Funeral Fair di Amsterdam.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Creazione del medico australiano Philip Nitschke, noto anche come “Dottor Morte”, accanito sostenitore dell’eutanasia, quando viene premuto il pulsante all’interno della capsula, che è possibile costruire a casa con l’ausilio di una stampante 3D, si riempie di azoto liquido che dopo un minuto provoca la perdita di conoscenza e dopo cinque, la morte per ipossia, scrive il Daily Mail.

Nel corso del Funeral Fair di Amsterdam, i partecipanti potranno dare un’occhiata a come sarebbe il trapasso a bordo, per così dire, della capsula, utilizzando degli occhiali per la realtà virtuale.
Il progetto non ha trovato ampio consenso, molti hanno definito Sarco come “macabra” e aver reso “glamour il suicidio”.

Una persona che avesse intenzione di suicidarsi, dovrà effettuare un test online per dimostrare che è sana di mente e muore per sua precisa volontà. A quel punto si ottiene un codice di quattro cifre valido 24 ore; dopo essere stato inserito, si preme un pulsante e inizia il trapasso.
Un portavoce della Funeral Fair, ha detto che i visitatori potranno sottoporsi all’intera esperienza con occhiali per la realtà virtuale, sceglieranno tra una panoramica sulle montagne o mare, premeranno il pulsante del suicidio e a quel punto la vista con gli occhiali per la realtà virtuale diventerà lentamente nera.
Nitschke, che ha sviluppato Sarco con l’ing Alexander Bannick nei Paesi Bassi con l’obiettivo di renderla disponibile in tutto il mondo, sostiene che invece di cercare una morte “dignitosa”, la capsula potrebbe essere un’esperienza “euforica”.

“E se osassimo immaginare che il nostro ultimo giorno di vita su questo pianeta potrebbe essere anche uno dei più eccitanti?” ha scritto sull’Huffington Post.
“Si può essere trasportati ovunque si scelga”, ha spiegato il “dottor Morte”, ad esempio di fronte alle Montagne Rocciose o guardando oltre l’Oceano Pacifico.