Oggi 21 giugno è il giorno più lungo dell’anno: luce per 15 ore e 15 minuti

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 giugno 2018 13:25 | Ultimo aggiornamento: 21 giugno 2018 13:25
Oggi 21 giugno è il giorno più lungo dell'anno: luce per 15 ore e 15 minuti

Oggi 21 giugno è il giorno più lungo dell’anno: luce per 15 ore e 15 minuti

ROMA – Quindici ore e un quarto di luce: oggi, giovedì 21 giugno è il giorno più lungo dell’anno. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Gli astronomi lo chiamano solstizio d’estate dal latino sol- (sole) e -sistere (fermarsi). Quest’anno cade alle 12.07 italiane e con esso prende ufficialmente il via la bella stagione. A seguire scenderà la notte più corta dell’anno nella quale daranno spettatolo la Luna al primo quarto e diversi pianeti.

Il solstizio d’estate rappresenta il momento in cui il Sole, nel suo moto apparente, raggiunge il punto più alto rispetto all’orizzonte, dandoci così il massimo numero di ore di luce possibili nell’arco di una giornata. L’evento astronomico ritarda ogni anno di circa 6 ore rispetto all’anno precedente, a causa dello spostamento dell’asse attorno al quale la Terra compie la propria rotazione quotidiana, e si riallinea forzosamente ogni quattro anni in corrispondenza dell’anno bisestile, introdotto proprio per evitare la progressiva divergenza delle stagioni con il calendario. Per questo motivo il solstizio può capitare il 20 o il 21 giugno.

Tecnicamente anche la sua durata è variabile: si riduce man mano che ci si sposta verso Sud. A Torino durerà più di 15 ore e mezza (15 ore, 37 minuti e 41 secondi). A Palermo meno di 15 ore (14 ore 49 minuti e 3 secondi). Mentre a Londra durerà più di 16 ore e mezza. I tempi sono quelli che intercorrono tra il sorgere del Sole e il tramonto, ma le ore di luce saranno molte di più.

Paolo Volpini, dell’Unione Astrofili Italiani (Uai) spiega: “Proprio oggi il Sole passa dalla costellazione del Toro a quella dei Gemelli, mentre le congiunzioni tra Luna e pianeti più belle da osservare avverranno soprattutto nelle prossime settimane”. Lo conferma anche Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope, che aggiunge: “Nei prossimi giorni, meteo permettendo, avremo un menu astronomico davvero molto ricco”. Infatti questo è uno dei migliori periodi dell’anno per l’osservazione di diversi pianeti, in particolare Saturno e Mercurio, ma saranno facilmente individuabili nei cieli estivi anche Giove, visibile per tutta la notte, Venere e Marte.