Spazio. Cargo russo in atmosfera della Terra tra giovedì sera e venerdì mattina

Pubblicato il 7 Maggio 2015 9:53 | Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2015 10:26
Il cargo Progress

Il cargo Progress

FIRENZE –  Si restringe la finestra di incertezza per l’impatto nell’atmosfera del cargo russo Progress. Le previsioni internazionali indicano come il periodo più probabile quello compreso fra giovedi sera 7 maggio e la mattina del 9. E’ un intervallo che potrà modificarsi nelle prossime ore, dicono gli esperti, anche perchè bisognerà vedere se il movimento dei veicolo sarà influenzato dalla tempesta solare in atto e dai detriti prodotti al momento dell’incidente.

Il periodo intorno all’8 maggio è confermato anche dall’agenzia spaziale russa Roscosmos, così come la possibilità che alcuni frammenti del cargo Progress M-27M possano raggiungere la Terra.

Gli ultimi calcoli indicano intanto che l’orbita si è abbassata: ”al momento il punto più lontano dalla Terra è a 202 chilometri e il più vicino a 165”, ha detto Alessandro Rossi, dell’Istituto di Fisica applicata del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ifac-Cnr) di Firenze e membro del Coordinamento internazionale per il monitoraggio dei detriti spaziali (Iadc).

Inoltre, ”come previsto, la finestra di incertezza per il rientro si è ristretta e continuerà a farlo nei prossimi giorni”, ha osservato Luciano Anselmo, dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione del Consiglio nazionale delle Ricerche (Isti-Cnr) di Pisa.

Per Anselmo bisognerà comunque considerare anche altri fattori. Innanzitutto il movimento del cargo potrebbe essere disturbato dalla presenza, nello spazio circostante, del propellente fuoriuscito dopo l’incidente che il 28 aprile ha fatto perdere il controllo del Progress.

”Al momento – ha detto – non risultano pronunciamenti della commissione d’inchiesta sulle cause dell’incidente, ma possiamo dire che il sistema propulsivo del veicolo è stato danneggiato per un’esplosione avvenuta nell’ultimo stadio del lanciatore”, come indicano anche i 44 frammenti individuati dai radar subito dopo l’incidente.

La seconda incognita è l’attività del Sole, che negli ultimi giorni si è ‘risvegliato’ con un brillamento intenso che nella notte scorsa ha disturbato le comunicazioni radio a bassa frequenza e aumentato la densità atmosferica: ”un aspetto, quest’ultimo, che potrebbe accelerare leggermente la caduta del veicolo”. E’ attesa, infine, una tempesta geomagnetica provocata dal brillamento avvenuto il 2 maggio.