Spazio: dopo Shuttle, Italia e Usa insieme su Marte e Giove

Pubblicato il 22 giugno 2011 19:56 | Ultimo aggiornamento: 22 giugno 2011 19:56

OMA, 22 GIU – Tante missioni sullo shuttle, ma non solo: anche quando la navetta americana sara' andata in pensione le agenzie spaziali di Italia (Asi) e Stati Uniti (Nasa) continueranno a collaborare e sono gia' tre le missioni americane che parlano anche italiano. I loro obiettivi sono Giove e Marte, ha detto oggi a Roma il presidente dell'Asi, Enrico Saggese, nell'incontro con l'amministratore capo della Nasa, Charles Bolden, organizzato nell'universita' di Roma La Sapienza.

La missione Juno diretta a Giove, il cui lancio e' previsto in agosto, ha fra i suoi dieci strumenti uno che parla italiano: lo spettrometro a infrarossi che le permettera' di studiare la composizione dei gas di Giove. ''A bordo – ha detto Saggese – ci sara' una targa che ricorda Galileo Galilei, con la riproduzione del testo che descrive la scoperta delle lune di Giove''.

Ci sara' un po' di Italia anche sul Mars Science Laboratory (Mrs) che la Nasa intende lanciare a fine anno e che portera' sulla superficie di Marte la sonda Curiosity. ''A bordo – ha detto ancora Saggese – ci sara' un chip con la riproduzione del Codice del Volo di Leonardo da Vinci''. Nel 2012, infine, Italia e Stati Uniti saranno insieme nella missione NuStar, in programma nei primi mesi del 2012, che andra' ad esplorare il cielo ai raggi X a caccia di buchi neri e galassie attive.