Spazio. Lanciata Soyuz con astronauta danese Mogensen

Pubblicato il 2 Settembre 2015 8:48 | Ultimo aggiornamento: 2 Settembre 2015 8:48
La Soyuz in volo verso l'Iss

La Soyuz in volo verso l’Iss

RUSSIA, MOSCA – Lanciata la Soyuz che porta sulla Stazione Spaziale (Iss) un altro giovane astronauta europeo, il danese Andreas Mogensen, per una missione di 10 giorni. Con lui il comandante russo Sergei Volkov e il kazako Aidyn Aimbetov.

La navetta e’ partita alle 6,38 dalla base russa di Baikonur (Kazakhstan) e raggiungera’ la Stazione Spaziale in 2 giorni anziche’ in 6 ore. La Iss ha infatti raggiunto recentemente un’orbita piu’ elevata: una manovra di routine per evitare il rischio collisione con detriti spaziali.

L’arrivo della Soyuz alla Stazione Spaziale e’ previsto alle 9,42 italiane di venerdi’ 4 settembre; il rientro a Terra di Mogensen e’ in programma per l’11 settembre.

Entrato a far parte nel 2009 del corpo astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) con gli italiani Luca Parmitano e Samantha Cristoforetti, Mogensen comincia così una ‘missione-lampo’ di soli 10 giorni, chiamata Iriss.

Il nome, proposto dall’italiano Filippo Magni, studente di Ingegneria Aerospaziale del Politecnico di Milano, e’ stato selezionato dall’Esa fra 700 proposte e unisce il nome della dea greca dell’arcobaleno Iris e l’acronimo della Stazione Spaziale Internazionale, Iss. La breve durata dalla missione costringera’ l’astronauta ad un ritmo di lavoro piu’ intenso, di nove ore e mezzo anziche’ di otto ore come fanno gli astronauti impegnati nelle missioni di sei mesi.

Gli esperimenti hanno l’obiettivo di collaudare nuove tecnologie per lo spazio. Indossera’ anche una speciale tuta capace di alleviare il mal di schiena e sperimentera’ la realta’ aumentata con i Google glass.