Specie umana: è lo 0,01% del pianeta ma s’è mangiata l’83% dei mammiferi e il 50% delle piante

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 maggio 2018 11:42 | Ultimo aggiornamento: 23 maggio 2018 11:42
Specie umana: è lo 0,01% del pianeta ma s'è mangiata l'83% dei mammiferi e il 50% delle piante

Specie umana: è lo 0,01% del pianeta ma s’è mangiata l’83% dei mammiferi e il 50% delle piante (nella foto pittura rupestre a Tassili)

ROMA – Esiste un modo efficace per valutare la presenza della specie homo sapiens sul pianeta Terra: in termini di biomasse (il peso degli organismi) la sua incidenza vale solo lo 0,01% rispetto a tutte le altre forme viventi. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Una conferma, se vogliamo, della nostra finitezza e insignificanza.

Tuttavia, sia pur così marginali e irrilevanti dal punto di vista quantitativo, l’uomo è un mostro divoratore di tutto ciò che lo circonda: nella sua breve esistenza, ma soprattutto nell’ultimo miglio (gli ultimi 50 anni) ha distrutto l’83% della classe di vertebrati cui appartiene, i mammiferi. E il 50% delle specie vegetali.

7,6 miliardi di persone, l’attuale popolazione mondiale, rappresentano una goccia nel mare della vita biologica, ma l’impatto delle attività umane è incommensurabilmente schiacciante rispetto a quanto di vivo lo circonda.

Queste le conclusioni della ricerca portata avanti da Ron Milo al Weizmann Institute of Science di Israel, un lavoro pubblicato su Pnas.

I risultati, anche se le cifre non possono essere precise, ma utili soltanto a farsi un’idea, ci dicono questo: tutta la vita sulla Terra è costituita dall’82% da piante, dal 13% di batteri, dal 5% di animali (insetti, funghi, pesci e altre specie) e soltanto dal 0,01% dall’uomo. L’86% della vita si trova sulla terraferma, l’1% negli oceani e il 13% sottoterra (soprattutto batteri). (Giacomo Talignani, La Repubblica)