Ovuli di topo creati in laboratorio: una speranza contro l’infertilità

Pubblicato il 5 ottobre 2012 19:41 | Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2012 19:42

TOKYO – L’ultima speranza per curare l‘infertilità arriva dagli ovuli “prodotti in laboratorio”. I ricercatori giapponesi della Kyoto University hanno scoperto che gli ovuli dei topi possono essere create direttamente in laboratorio.

La stessa équipe aveva in passato creato sperma di topi in laboratorio. In quest’ultimo esperimento le uova fatte in laboratorio sono state fertilizzate con lo sperma naturale dei topi. E hanno dato vita a dei topolini sani e fertili.

Certo, l’inconveniente maggiore con gli ovuli, sottolineano i ricercatori, è che a differenza dello sperma sono fragili e delicate. Ma se questo esperimento si potesse ripetere con gli esseri umani potrebbe trasformare radicalmente la medicina riproduttiva, permettendo a donne e uomini di qualsiasi età (in linea teorica persino ai morti di cui si fossero conservati dei tessuti) di diventare genitori.

In questo esperimento i ricercatori hanno nelle cellule staminali embrionali di un topo femmina elementi di crescita e altri fattori chimici che controllano le attività come la crescita e la differenziazione delle cellule. Questo processo ha trasformato le cellule staminali embrionali  come gli epiblasti, cioè cellule dei primi embrioni dei mammiferi. Quando vengono aggiunte delle altre proteine, queste cellule diventano cellule embrionali primordiali, che non hanno un sesso specifico, ma possono diventare sia sperma sia ovuli.

A questo punto gli scienziati hanno ottenuto un ovaia fetale di topo e hanno rimosso le sue cellule embrionali, mentre hanno lasciato da parte le sue cellule somatiche (cioè le cellule che vanno a formare le varie parti del corpo, compreso il sangue, le ossa e gli organi). Le cellule germinali primordiali, invece, sono state fatte crescere insieme alle cellule somatiche delle ovaie.

L’insieme è stato quindi trapiantato in una femmina adulta di topo. Quattro settimane dopo gli scienziati hanno isolato uova immature cresciute insieme alle altre cellule.

Una volta che queste uova sono maturate in laboratorio, sono state fertilizzate con lo sperma di topo e hanno generato dei topolini sani e fertili.